Stai leggendo Osteoporosi: sole, vitamina D, calcio e movimento per ossa forti

Prevenzione

Osteoporosi: sole, vitamina D, calcio e movimento per ossa forti

03/05/2016

Una passeggiata a passo svelto. Un’ora all’aperto, sotto il sole. Un adeguato apporto di latte e derivati. Sono queste le tre armi di cui disponiamo per difendere le nostre ossa dagli effetti del tempo. In altre parole per prevenire l’osteoporosi. Di questa malattia ha parlato il dottor Corrado Bait, ortopedico e traumatologo dell’Unità operativa di Ortopedia del Ginocchio e Traumatologia dello Sport, diretta dal dottor Piero Volpi, dell’ospedale Humanitas, sulle colonne del Giornale.

(Per approfondire leggi qui: Osteoporosi nelle giovani donne?
 Prevenzione in 3 mosse)

L’osteoporosi è una malattia subdola, che non dà evidenti manifestazioni di sé ma che tuttavia rende le ossa più fragili esponendole a un alto rischio di frattura. Sebbene la prevenzione dell’osteoporosi cominci da giovanissimi, perché fino ai 30 anni l’osso definisce la propria struttura, contrastarla è possibile anche di là con gli anni, in particolare per le donne dopo la menopausa.

Ecco come prevenire l’osteoporosi:

  • Alimentazione. «Il calcio è il nutriente fondamentale per la salute dell’osso ed è presente in quantità significative solo nel latte e nei suoi derivati», spiega il dottor Bait. Quindi è bene consumare latte, yogurt e formaggi. Anche il fosforo è importante per la composizione del tessuto osseo ma questo elemento è «presente in tantissimi alimenti quindi una sua carenza è impossibile».
  • Movimento. È un alleato prezioso «tanto di più quando viene praticato dalla più giovane età. Infatti chi ha iniziato a fare attività sportiva da giovane ha una densità ossea maggiore rispetto a chi l’ha praticata solo da adulto, o da anziano. Ma non è mai troppo tardi, anche una passeggiata a passo svelto ogni giorno soprattutto dopo la menopausa è utile», suggerisce lo specialista.

(Per approfondire leggi qui: Osteoporosi, incontinenza urinaria ko con l’esercizio fisico)

  • Vitamina D e sole. Un’accoppiata vincente «per i processi di rimodellamento osseo (il nostro tessuto osseo possiede infatti straordinarie capacità rigenerative)». Non serve assumere questa vitamina con l’alimentazione perché «viene sintetizzata autonomamente dall’organismo grazie ai raggi ultravioletti della luce solare. E basta un’ora al giorno fuori di casa, con il viso, le mani e le braccia scoperte per ottenere i massimi benefici», suggerisce lo specialista.

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita