Stai leggendo Lo sai che le bevande gassate aumentano l’acidità di stomaco?

Lo sai che...

Lo sai che le bevande gassate aumentano l’acidità di stomaco?

22/07/2016

Alcuni alimenti, abitudini e bevande, in particolare le bevande gassate, possono provocare bruciore e acidità di stomaco, aumentando il rischio di gastrite. Assumere bevande gassate o a base di cola quando la digestione è lenta oppure lo stomaco brucia invece di ridurre i sintomi, come molti credono, contribuisce ad aumentare la produzione di acidi – spiega il dottor Gionata Fiorino, gastroenterologo del Centro Ricerca e Cura delle Malattie Infiammatorie croniche intestinali dell’ospedale Humanitas. – Di conseguenza l’acidità di stomaco aumenta e il bruciore peggiora soprattutto se le bevande gassate sono a base di cola. Queste ultime infatti, a causa della presenza di caffeina, una delle sostanze contenute nel caffè che, insieme alla teina presente nel tè, contribuiscono ad aumentare l’acidità di stomaco e il reflusso, andrebbero ridotte o evitate se si soffre di acidità di stomaco. Inoltre, alcune abitudini come l’eccessivo uso di farmaci antinfiammatori, l’abitudine al fumo e all’alcol sono anch’esse responsabili dell’aumento dell’acidità di stomaco. Attenzione anche all’abuso di antinfiammatori che possono danneggiare la parete dello stomaco e pertanto andrebbero assunti solo quando veramente necessario e con opportune precauzioni (stomaco pieno, protezione gastrica farmacologica). Oltre alle bevande gassate, anche spezie e menta, cioccolato, cibi molto grassi come insaccati e formaggi, oppure cibi acidi come ananas, succhi di frutta e agrumi, andrebbero limitati perché tendono ad aumentare l’acidità di stomaco.

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita