Stai leggendo Melanoma, il sole preso in montagna è un fattore di rischio?

Featured

Melanoma, il sole preso in montagna è un fattore di rischio?

28/01/2016

Melanoma, quali rischi con il sole fuori stagione? Si stima che il sole d’inverno, al mare lontano dall’Italia o in montagna, scotti ogni anno la pelle di oltre 2 milioni di italiani. Il dato arriva dall’indagine “Il sole fuori stagione” promossa da Roche e condotta da GfK Eurisko su un campione rappresentativo della popolazione italiana. Inoltre più del 40% degli italiani crede che sia più pericoloso il sole d’estate, sottovalutando i rischi delle scottature nei mesi freddi: sommando le scottature invernali a quelle estive sale il rischio di tumore della pelle.

Cosa si rischia prendendo il sole fuori stagione?

«Il sole che si prende in montagna non è un vero fattore di rischio di melanoma», risponde il professor Marcello Monti, responsabile di Dermatologia dell’Ospedale di Ricerca Humanitas. «A dover stare più attento alle scottature – continua – è chi abbandona il freddo di questi mesi per prendere il sole ai Tropici».

(Per approfondire leggi qui: Pelle, il sole fa male anche dopo la “tintarella”)

«In montagna, in inverno, la porzione di pelle che riceve direttamente i raggi solari è molto ridotta: dorso mani e volto. Grazie all’uso di caschi e occhiali da sci, l’impatto del sole diminuisce ulteriormente. Al mare, invece, i rischi aumentano perché tutto il corpo è esposto all’azione dei raggi solari e la pelle è impreparata ad accoglierli. Non dimentichiamoci che il melanoma interessa in particolare la pelle della schiena negli uomini e degli arti nelle donne», sottolinea lo specialista.

Cosa consigliare a chi non rinuncia al sole nemmeno d’inverno?

«Al mare è importante proteggersi come si dovrebbe fare d’estate: coprirsi il più possibile, applicare dei fotoriflettenti naturali all’argilla sulle parti che restano scoperte (volto, dorso mani e dorso piedi) e non usare le creme solari. Queste sono spesso applicate in maniera disomogenea, vengono “lavate” via dall’acqua del mare o delle docce e danno una falsa protezione che spinge chi le usa a restare più a lungo sotto il sole».

(Per approfondire leggi qui: Al sole, meglio coprirsi!)

Chi prende il sole in modo scriteriato in estate, in inverno dovrebbe stare molto attento all’esposizione solare evitando anche di ricorrere all’abbronzatura artificiale con lampade e lettini, «una pratica sempre sconsigliata, in qualsiasi mese dell’anno, perché concentra un’alta dose di raggi UU UV ultravioletti dannosi per la pelle aumentando il rischio di melanoma», conclude il professor Monti.

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita