Stai leggendo Yoga, via lo stress e girovita più snello?

Benessere

Yoga, via lo stress e girovita più snello?

15/09/2016

Tanti sono i benefici associati allo yoga. Questa disciplina psico-fisiologica che dall’India ha conquistato tutto il mondo può aiutare a migliorare l’equilibrio e correggere la postura, a tonificare i muscoli e a gestire il dolore se cronico come nel mal di schiena. Anche la salute cardiovascolare ne trarrebbe vantaggio, come documentato da uno studio di qualche anno fa del Karolinska Institute di Stoccolma (Svezia). S’è visto che in pazienti con fibrillazione atriale, e in trattamento per questa patologia, lo yoga aiutasse a ridurre la frequenza cardiaca e la pressione arteriosa.

Ora uno studio condotto in Australia, dalla University of Adelaide, di recente pubblicato su Journal of Psychophysiology, ha prodotto nuove prove sugli effetti dello yoga. Il team ha coinvolto un ristretto gruppo di pazienti donne affette da stress cronico, 116 donne. Circa 40 hanno frequentato due volte a settimane delle lezioni di yoga da 2 ore ciascuna, per due mesi. Periodicamente sono stati misurati gli indicatori della salute fisica e psicologica e i risultati messi a confronto con un gruppo di controllo. La spesa energetica stimata tra i due gruppi era simile, quindi probabilmente anche il gruppo di controllo aveva svolto attività fisica diversa dallo yoga.

(Per approfondire leggi qui: Mal di schiena, una mano da yoga e agopuntura?)

Tuttavia, tra chi aveva seguito le lezioni di yoga, è stato rilevato un aumento nell’affetto positivo (un indicatore del benessere psicologico), una riduzione nel livello di stress ma anche del girovita e una maggiore flessibilità. Sebbene lo studio abbia delle limitazioni, a cominciare dal ristretto gruppo di soggetti coinvolti, i dati suggeriscono comunque una certa utilità dello yoga nella gestione dello stress.

Merito degli esercizi di rilassamento che vengono eseguiti da chi pratica yoga

«Il rilassamento è appannaggio tanto della mente che del corpo», afferma la professoressa Daniela Lucini, responsabile della Sezione di Medicina dell’Esercizio dell’ospedale Humanitas. «Lo yoga, infatti, unisce alle tecniche con cui imparare a regolarizzare la respirazione degli esercizi di rilassamento muscolare. Con un respiro più lento e regolare – spiega la specialista – si riesce a modulare l’attività del sistema nervoso che controlla diverse funzioni dell’organismo, a cominciare da quella cardiaca. Con il respiro si regolarizza, ad esempio, anche la frequenza cardiaca».

Ma è lo yoga che fa dimagrire o che fa ridurre il girovita?

«In questo caso il beneficio potrebbe essere indiretto: non è lo yoga che fa perdere peso, questo perché il dispendio di calorie che richiede è poco considerevole. Ma se una persona riesce a rilassarsi e a tenere a bada lo stress potrebbe cominciare ad alimentarsi in maniera più regolare, magari a correggere quelle cattive abitudini che la portavano a mangiare per gratificarsi e scaricare lo stress».

(Per approfondire leggi qui: Asma, dallo yoga un beneficio per la respirazione?)

Un consiglio per chi vuole avvicinarsi allo yoga?

«Esistono diverse forme di yoga e inevitabilmente si dovrà sceglierà quella più adatta alla propria forma fisica. Se si è fuori allenamento si potrà cominciare con un corso base in cui imparare le tecniche di respirazione e gli esercizi di stretching per la muscolatura. Se invece il tono muscolare è più definito si potranno pian piano apprendere esercizi che richiedono maggiore forza ed eseguire posizioni più complesse», conclude la professoressa.

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita