Stai leggendo Alzheimer, parlare più lingue aiuta a contrastarlo

Sistema nervoso

Alzheimer, parlare più lingue aiuta a contrastarlo

20/11/2018

Parlare due lingue fa bene alla salute. Aiuta a contrastare l’Alzheimer e, più in generale, le malattie legate al deterioramento cognitivo. Ne sono convinti i ricercatori della Concordia University che l’hanno reso noto in uno studio pubblicato su Neuropsychologia. Gli studiosi hanno usato i dati di risonanze magnetiche complete ad alta risoluzione e sofisticate tecniche di analisi per misurare lo spessore della corteccia e la densità dei tessuti all’interno di specifiche aree del cervello. Il campione comprendeva 94 persone, metà monolingue e metà bilingue. Commentiamo i risultati di questa ricerca insieme alla dottoressa Lara Fratticci, neurologa di Humanitas e alla dottoressa Elisabetta Menna, ricercatrice di Humanitas e dell’Istituto di Neuroscienze del Cnr.

 

I poliglotti hanno più “materia grigia”

Secondo i ricercatori, nei poliglotti c’è una correlazione tra lo spessore corticale di quelle regioni del cervello dedicate al linguaggio e al controllo cognitivo e l’esecuzione di compiti di memoria episodica. Gli studiosi hanno infatti messo in relazione l’aumento della materia grigia in queste regioni con maggiori abilità cognitive, sostenendo che parlare due lingue potrebbe migliorare il funzionamento della memoria e ritardare gli effetti cognitivi dell’atrofia correlata alle patologie.
“I nostri risultati contribuiscono alle ricerche che indicano che parlare più di una lingua è uno dei fattori dello stile di vita che contribuisce di più all’area cognitiva – ha affermato Natalie Phillips, docente del Dipartimento di Psicologia dell’ateneo canadese -. Sosteniamo perciò l’idea che il multilinguismo e i relativi benefici cognitivi e socioculturali siano associati alla plasticità cerebrale.

Articoli correlati

Il bilinguismo, uno scudo in più contro l’ictus

Imparare due lingue rende il nostro cervello più brillante e “resistente”. Se i vantaggi del bilinguismo sulle prestazioni cognitive sono noti da tempo, ora diversi centri di ricerca, tra cui il Nizam’s Institute of Medical Sciences di Hyderabad (India), ha aggiunge un ulteriore tassello: il bilinguismo protegge dai danni di un ictus. Chi parla almeno due lingue ha il doppio delle probabilità di recuperare le abilità cognitive dopo un ictus rispetto ai monolingui. Lo studio, pubblicato su Stroke, è stato condotto su 608 pazienti colpiti da ictus ischemico. Più della metà era bilingue. Fra questi il 40% dei pazienti ha avuto una ripresa normale delle funzioni cognitive rispetto al 20% dei monolingui. L’afasia invece colpiva indistintamente: il bilinguismo non faceva da scudo contro questo disturbo del linguaggio causato da lesioni cerebrali.

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita