Stai leggendo “Pelle, l’esposizione al sole di primavera non è dannosa”, vero o falso?

Dermatologia

“Pelle, l’esposizione al sole di primavera non è dannosa”, vero o falso?

27/03/2018

La primavera è arrivata, e molte persone colgono ogni occasione per esporsi al sole pensando che il sole primaverile non sia così dannoso per la pelle come quello estivo. Vero o falso? Risponde il professor Antonio Costanzo, responsabile dell’Unità Operativa di Dermatologia di Humanitas e docente di Humanitas University.

 

Falso. Il sole di primavera non solo non è innocuo, ma può essere anche più dannoso rispetto a quello estivo, dato che i raggi UV raggiungono la loro massima intensità a partire da maggio e giugno, e non solo ad agosto, come si sarebbe portati a credere – spiega l’esperto. – Inoltre, in primavera, la nostra pelle non è pronta per affrontare subito esposizioni prolungate ai raggi solari. Questo perché le cellule che producono melanina, la sostanza che ci difende dai raggi UV, e a cui dobbiamo l’abbronzatura, sono poco stimolate durante l’inverno e impiegano del tempo a riattivare le loro funzioni. Questo spiega, per esempio, perché, anche alle nostre latitudini, ci si scotta molto facilmente al primo sole di primavera. Inoltre, a sfavore dell’esposizione solare non protetta in primavera, si aggiunge anche il fatto che quando la pelle si arrossa per l’azione del troppo sole, rilascia particolari proteine denominate allarmine. Queste proteine sembrerebbero  avere un ruolo determinante nello sviluppo di melanoma, un grave tumore della pelle che può manifestarsi, nelle fasi iniziali, come un piccolo neo. Se è presente un melanoma, infatti, l’esposizione al sole stimola anche le cellule tumorali a rilasciare allarmine che attivando una infiammazione pro-tumorale favoriscono la migrazione di cellule tumorali in altre zone dell’organismo dove, riproducendosi, potrebbero dar vita a metastasi. Dato che non esistono creme solari in grado di difenderci da questo fenomeno, è bene prestare sempre attenzione quando ci si espone al sole, tanto in primavera come in estate, ma anche in inverno, in montagna. Quindi, all’arrivo delle belle giornate è meglio frenare leggermente l’entusiasmo e procedere con esposizioni graduali e sempre protette con creme e lozioni apposite, godendosi il sole e il bel tempo, ma usando le giuste precauzioni, inclusi cappello e abiti leggeri che coprano la pelle del corpo.”

Articoli correlati

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita