Stai leggendo Perché in gravidanza può comparire la sindrome del tunnel carpale?

Gravidanza

Perché in gravidanza può comparire la sindrome del tunnel carpale?

12/09/2017

Patologia che colpisce prevalentemente le donne, durante la gravidanza il rischio che le mani siano colpite dalla sindrome del tunnel carpale aumenta. Tra i motivi per cui le donne che aspettano un figlio possono sviluppare la sindrome del tunnel carpale, anche le variazioni ormonali che avvengono durante la gravidanza – spiega il dottor Alberto Lazzerini, Responsabile della Unità Operativa di Chirurgia della mano di Humanitas –. Così come accade nel periodo della menopausa, oppure durante l’assunzione della terapia anticoncezionale o in alcune patologie come quelle della tiroide o il diabete, possono comparire i sintomi della sindrome del tunnel carpale perché aumenta la tendenza alla ritenzione di liquidi che si accumulano sui tessuti connettivi che, gonfiandosi, possono comprimere il nervo mediano. I sintomi tipici della sofferenza del nervo mediano sono il formicolio e l’indolenzimento delle prime tre dita della mano, talvolta insieme a dolore e rigidità al risveglio, e difficoltà a compiere attività quotidiane come aprire un barattolo. Se tali sintomi compaiono in gravidanza, è consigliabile rivolgersi a uno specialista e al ginecologo per l’assunzione di farmaci antidolorifici, l’uso del tutore di notte e la valutazione dell’intervento. Nei casi più gravi infatti, se l’intervento è necessario, si cerca di non rinviare l’intervento a dopo il parto perché è più difficile che la donna riesca a tenere la mano  a riposo per un certo periodo di tempo.”

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita