Stai leggendo Cuore e cervello, malattie cardio e cerebrovascolari prima causa di morte in Europa

Featured

Cuore e cervello, malattie cardio e cerebrovascolari prima causa di morte in Europa

25/06/2015

Le malattie cardiovascolari sono, e continueranno ad essere anche nei prossimi vent’anni, la prima causa di morte nel mondo e in Europa: colpiscono non solo gli anziani, ma persone sempre più giovani. Lo conferma il rapporto europeo “Malattie cardiovascolari e diabete: strumenti per fornire cure migliori”, redatto dall’OCSE – Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, che non si limita a fotografare la situazione presente e la proiezione futura ma fornisce linee di indirizzo che ogni Paese dovrebbe seguire per ridurre l’impatto di questi drammatici eventi.

A riportare in Italia questi dati, obiettivamente allarmanti, è ALT – Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari – Onlus che rappresenta il nostro Paese in EHN – European Heart Network,  rete europea di Fondazioni e Associazioni dedicate alla prevenzione delle malattie cardio e cerebrovascolari e alla riduzione dell’impatto sanitario sociale ed economico di queste malattie.

Il progredire della conoscenza sui meccanismi che determinano gli eventi e il miglioramento della qualità e dell’accessibilità delle cure hanno fatto sì che sia cresciuto il numero di persone che sopravvivono all’evento e hanno salva la vita: si muore meno, perché sono migliorate la conoscenza dei sintomi premonitori e la tendenza a scegliere uno stile di vita intelligente già in giovane età. Il progresso della scienza ha fatto la sua parte, mettendo a disposizione strumenti sempre più efficienti nel diagnosticare e curare  infarto, ictus cerebrale, trombosi venosa e trombosi arteriosa, ed embolia.

«La prevenzione delle malattie cardiovascolari da Trombosi funziona rapidamente, non richiede anni, e i dati lo confermano: riducendo i fattori di rischio legati allo stile di vita si riducono gli eventi, e si salva almeno una persona su tre da un evento drammatico provocato da una Trombosi. La prevenzione è possibile e urgente», sottolinea la dottoressa Lidia Rota, presidente di ALT. 

 

Quali sono le maggiori sfide nel contrasto alle malattie cardiovascolari? 

C’è ancora spazio, sottolinea il rapporto OCSE, per sensibilizzare alla prevenzione, migliorare le diagnosi e assicurare cure tempestive a un numero più ampio di pazienti, riducendo così l’impatto delle malattie cardiovascolari sulle singole famiglie e sull’intero Paese, in termini sanitari ed emozionali, e in termini di utilizzo delle risorse economiche sempre più insufficienti  a sostenere l’inevitabile e atteso invecchiamento  della popolazione.

Intervenendo precocemente su abitudini scorrette si possono salvare 80 persone su 100 che potrebbero evitare un ictus cerebrale o un infarto del miocardio, scegliendo per tempo di ridurre o evitare il fumo di sigaretta, di aumentare nei limiti del possibile l’attività fisica quotidiana e costante, di scegliere un’alimentazione ricca di frutta e verdura e povera di sale, di zuccheri e di grassi saturi, e con porzioni adeguate. «…dobbiamo sbrigarci, il tempo è salute, fisica per le persone, economica per i bilanci delle famiglie e dei Paesi», ricorda la dottoressa Rota .

L’OCSE raccomanda che ogni Paese metta in atto anche con atti legislativi piani di prevenzione che facilitino le scelte intelligenti e rendano lo stile di vita sano accessibile e invitante per tutti, indirizzando i consumatori a preferire cibi sani, aumentando il prezzo di cibi particolarmente ricchi di grassi saturi, di sale, di zuccheri e di calorie pericolosi per la salute e attirando il consumatore verso il consumo di frutta, verdura, cereali integrali e grassi non dannosi, e limitando le azioni di marketing che in modo più o meno occulto tentano di condizionare le preferenze e quindi le scelte dei bambini.

 

Malattie cardiovascolari, articoli correlati:

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita