Stai leggendo Sollevamento pesi: prima il malore poi vince l’argento

Featured

Sollevamento pesi: prima il malore poi vince l’argento

17/07/2015

Le immagini che la vedono collassare in una gara di sollevamento pesi hanno fatto il giro del web e delle tv di tutto il mondo. Poteva andare peggio alla ventenne atleta venezuelana Genesis Rodriguez Gomez e non solo dal punto di vista sportivo. Nonostante il malore, infatti, la sportiva è riuscita a vincere la medaglia d’argento nella gara di sollevamento pesi nella categoria +53 kg ai Giochi Panamericani di Toronto.

Genesis Rodriguez Gomez stava eseguendo una prova di “slancio”, una delle due specialità della pesistica. Dopo aver sollevato il bilanciere da 106 kg all’altezza delle spalle, se l’è appoggiato addosso ma non è riuscita a completare l’esercizio: dopo aver sollevato ancora il bilanciere con le braccia tese, l’ha lasciato cadere si è accasciata al suolo. Al rientro dopo il malore ha superato la prova sollevando addirittura 109 kg.

Quale può essere stata la causa del malore della sollevatrice di pesi venezuelana?

«Dalle sole immagini è difficile dire con precisione cosa possa aver portato al collasso l’atleta. Si vede che prima dello sforzo massimale la sollevatrice di pesi va in iperventilazione e poi perde conoscenza», risponde il dottor Roberto Sala, specializzando in Medicina dello sport dell’ospedale Humanitas.

Con uno sforzo del genere cosa può succedere a un atleta? «Un sollevatore di pesi può rischiare di essere colpito da lipotimia, una forma lieve di svenimento caratterizzata da una serie di sintomi come vertigini, vuoto alla testa e debolezza, oppure da una crisi vagale con riduzione della frequenza del battito cardiaco e un calo di pressione».

Dove si concentra lo sforzo di un sollevatore di pesi?

«Il sollevamento pesi è una disciplina che prevede esercizi di forza pura che interessano tutta la struttura corporea, gli arti inferiori, l’addome, il tronco e in particolare gli arti superiori», dice il dottor Sala.

Quali infortuni possono colpire gli atleti? «Dal momento che è interessata tutta la struttura fisica, un esercizio di sollevamento pesi può danneggiare la muscolatura, e quindi strappi o stiramenti muscolari, o l’apparato osteoarticolare, in particolare della zona lombare e dorsale della colonna vertebrale. Ecco perché – puntualizza – gli atleti indossano una cintura di protezione della zona lombare, per contenere la tensione su questa zona. Ma anche le articolazioni di ginocchia e spalle non sono al sicuro».

Per non parlare del fattore di rischio rappresentato dal bilanciere: «I rischi maggiori da un punto di vista traumatico derivano dalla possibilità che si perda la presa del bilanciere. Perciò gli esercizi sono eseguiti in ambienti controllati dove è possibile intervenire immediatamente per soccorrere un atleta rimasto “schiacciato” dal peso del bilanciere, un peso che da sdraiati è impossibile sollevare», conclude il dottor Sala.

 

Sport e salute, articoli correlati:

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita