Stai leggendo Camminare, ecco i benefici per la salute

Sport

Camminare, ecco i benefici per la salute

23/09/2003

Una caratteristica che accomuna gli organismi viventi superiori è la capacità di conservare energia. Questo li ha liberati dalla necessità della ricerca continua di cibo e ne ha permesso la sopravvivenza nei periodi di carenza alimentare.
Il nostro “serbatoio” di energia è costituito dal tessuto adiposo, in cui viene accumulato il grasso (la nostra riserva di energia) sotto forma di trigliceridi (1 grammo di grasso = 9 kcal: in un uomo di peso normale-medio ci sono almeno 10 Kg di grasso, corrispondenti a 90.000 Kcal che gli permetterebbero di sopravvivere in digiuno assoluto per circa 2 mesi).

I vantaggi dell’attività fisica:

  • contribuisce a tenere sotto controllo fattori di rischio relativi alla malattie cardiovascolari (peso, pressione, colesterolo…)
  • è un eccellente anti stress
  • è uno stimolo psicologico alle buone abitudini e alla positività
  • favorisce e rafforza l’autostima e l’autocontrollo
  • migliora la qualità della vita
  • è una potente assicurazione sulla vecchiaia
  • se fatta in gruppo, aumenta le occasioni di socializzare.

“L’esercizio fisico – spiega Lidia Rota, responsabile del centro di Prevenzione Cardiovascolare di Humanitas e presidente di ALT, l’Associazione per la Lotta all Trombosi – contribuisce a potenziare la resistenza cardiovascolare, la forza muscolare, l’elasticità e il rapporto tra il tessuto muscolare e i grassi. Ma per tenersi in forma non occorre necessariamente trasformarsi in atleti. E’ sufficiente consumare 2mila calorie la settimana: bastano semplici attività quotidiane, come il giardinaggio, i lavori domestici o una passeggiata con il proprio cane. Poi, se serve, incominceremo a potenziare queste attività”.

Esercizio aerobico e malattie cardiovascolari da trombosi

Ci sono due tipi di esercizi, quello aerobico (con produzione di ossigeno) e quello anaerobico (in assenza di ossigeno con produzione diacido lattico). Solo il primo migliora la salute cardiovascolare potenziando la capacità del corpo di usare ossigeno per produrre energia. Camminate, corsa, nuoto, pattinaggio, bicicletta, sci, praticando queste attività il corpo diventa sempre più abile nell’estrarre ossigeno dal sangue, aiutando tutti gli organi a lavorare di più e con meno sforzo.
Invece, l’esercizio anaerobico aumenta la forza muscolare e la resistenza, ma non contribuisce molto alla prevenzione della malattie cardiovascolari da trombosi.

Perché l’attività fisica abbia effetti positivi sui polmoni e sul cuore andrebbe eseguita in modo dolce e per lunghi periodi. La buona attività fisica è infatti legata a 4 fattori: la frequenza, l’intensità, la durata e i tipi di esercizi eseguiti.

Per raggiungere una buona forma fisica:

a) eseguirla da 3 a 5 giorni la settimana;
b) ogni attività va condotta da un minimo di 20 a un massimo di 60 minuti
c) evitare gli eccessi
d) includere sempre riscaldamento e raffreddamento (o chilometro a piedi o in bisciletta seguiti da un dolce stretching).

Dalla teoria alla prassi

Con tutti gli impegni che abbiamo, le buone intenzioni rischiano di saltare, raccomanda la dottoressa Rota. Qualche consiglio può quindi risultare utile:
a) iniziare gradualmente, non lasciarsi prendere dall’entusiasmo (più si è inizialmente entusiasti, più ci si sconforta dopo). Basta iniziare con l’evitare l’ascensore e prendere le scale, col parcheggiare un po’ più lontano del consueto…
b) scegliere attività divertenti, magari condivise con qualcuno.
c) prevedere ostacoli (la buona volontà non basta, bisogna trovare il tempo)
d) contare sul sostegno di familiari e amici.

Come controllarsi:

  • test del colloquio: durante l’allenamento aerobico bisogna sempre essere in grado di parlare, anche se il respiro potrebbe farsi più affannato;
  • controllo dei battiti cardiaci (monitorare il polso per 2 secondi e poi moltiplicare per 4)
  • ascoltare il proprio corpo
  • clima e luogo

Per saperne di più è possibile leggere l’articolo di Humanitas Salute Ma lo sport fa bene al cuore? , oppure andare sul sito di ALT, www.trombosi.org

 

 

 

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita