Stai leggendo Sempre più donne con il vizio del fumo: in 20 anni numeri raddoppiati

Apparato respiratorio

Sempre più donne con il vizio del fumo: in 20 anni numeri raddoppiati

03/04/2019

Negli ultimi vent’anni i numeri delle fumatrici donne hanno subito una preoccupante impennata: +60%, con maggiori rischi collegati alla salute dei polmoni e dell’apparato cardiocircolatorio. Gli esperti della sanità pubblica lanciano l’allarme: le donne dovrebbero stare alla larga dalle sigarette. Ne abbiamo parlato con la dottoressa Giulia Veronesi, responsabile di chirurgia robotica e toracica di Humanitas.

 

Il preoccupante aumento delle forti fumatrici

Non solo sono di più, ma fumano con più accanimento, incuranti dei rischi che questo comporta per la salute. Sotto accusa dei medici le donne, sempre più vittime del vizio della sigaretta e sempre più inclini a consumarlo senza regole. Negli ultimi 20 anni la quota delle grandi fumatrici, che consumano più di venti sigarette al giorno, è addirittura triplicata. Secondo un’indagine condotta dalla Fondazione Umberto Veronesi, il 34,7 per cento delle italiane accende tre o più sigarette al giorno, mentre una su dieci ne fuma addirittura 16, a cadenza quotidiana. Un terzo delle intervistate ha affermato che le amiche, colleghe, familiari che fumano sono «tutte, quasi tutte o molte».

Nei prossimi anni il numero delle donne fumatrici potrebbe pareggiare o superare quello degli uomini.

Articoli correlati

Crescono i casi di tumore del polmone e del pancreas

Il trend che ha visto crescere i numeri delle fumatrici va tristemente di pari passo con l’aumento delle patologie legate al fumo. In testa ci sono i tumori del polmone e del pancreas, spesso letali.

Per contro, per le stesse patologie, i dati relativi agli uomini sono in lieve ma costante discesa. Sembra infatti che i farmaci che si utilizzano per allontanarsi dalla dipendenza alla nicotina, fra cui cerotti transdermici, inalatori, chewing-gum e confetti, siano più efficaci negli individui di sesso maschile, mentre per le donne funziona di più controllare lo stress che porta all’istinto di fumare.

Una ricerca pubblicata sulla rivista «Nicotine & Tobacco Research» ha svelato come le fumatrici hanno una diversa risposta agli stimoli stressanti rispetto ai fumatori con maggiore risposta negativa, maggiore livello stress e brama di fumare anche se ciò non si traduce in aumento del consumo di sigarette.

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita