Stai leggendo Bambini schizzinosi? La causa è nel dna

Alimentazione

Bambini schizzinosi? La causa è nel dna

11/05/2018

I bambini sono schizzinosi per natura? No, per genetica. Lo dice un recente studio pubblicato su Journal of Nutrigenetics and Nutrigenomics, che afferma che il dna potrebbe rendere i bambini meno inclini a provare nuovi cibi. Ne parliamo con il dottor Marco Nuara, pediatra di Humanitas San Pio X.

 

Lo studio

Durante l’infanzia è normale per i bambini attraversare varie fasi. Da curiosi e sperimentatori, i bambini possono improvvisamente diventare difficilissimi da accontentare in cucina. Lo studio di Cleveland Clinic ha esaminato 153 bambini in età prescolare e ha scoperto che molti fattori possono giocare un ruolo in questo comportamento a tavola, ma che i geni legati alle risposte sensoriali di un bambino potrebbero essere uno dei fattori più importanti.

Articoli correlati

Come rimediare ai palati difficili?

Secondo gli scienziati è necessario che i genitori si impegnino particolarmente per porre rimedio a questa caratteristica che, potenzialmente, può impedire una dieta varia e salutare in un’età dello sviluppo molto importante. Innanzitutto non bisogna mai smettere di esporre i bambini a nuovi cibi e che lo stesso cibo va riproposto anche più di 10 volte, prima che il bambino decida di provarlo.

Accettare un no va bene, ma è bene cercare di convincere il bambino ad aver dato almeno un morso a quello che ha nel piatto, nella speranza che un’esposizione continua, con il tempo, porti a sviluppare il gusto per gli alimenti. “É importante proporre sempre al bambino alimenti di forme, colori e sapori diversi. Il bambino é curioso per natura e si annoia facilmente. Va sfruttata la sua voglia di sperimentare e non costretto. La coercizione induce frustrazione ed avversione, invece mangiare deve essere vissuto come un momento di piacere e di convivialitá.”

Altrettanto importante è cucinare gli stessi cibi per tutti, senza eccezioni, facendo vedere al piccolo che gli altri commensali più adulti non hanno problemi a finire quello che hanno nel piatto. “I bambini imparano imitando i grandi. Educare ad una alimentazione varia e sana vuol dire dare il buon esempio.” – afferma il dottor Nuara – “D’altronde in ogni famiglia del mondo, i bambini mangiano come mangiano i genitori. Il compito di mamma e papà é quello di imparare a mangiare sano e insegnarlo ai propri figli. Lasceranno loro una preziosa eredità”.

Il genitore deve essere coerente e non desistere. “Al tempo stesso deve proporsi serenamente nei confronti del mangiare. Va bene proporre e far assaggiare tutto, ma bisogna anche rispettare le preferenze del bambino e accettare che un alimento possa essere gradito per mesi e poi non piacere più. E viceversa”.

Se un bambino ha problemi di masticazione o di deglutizione o mostra una forte ansietà nel provare nuovi cibi, invece, il consiglio è quello di parlarne con il proprio pediatra curante. Il bambino infatti potrebbe aver bisogno di un programma di alimentazione multidisciplinare.

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita