Stai leggendo Rigenerarsi nelle feste: 6 consigli per il benessere

Benessere

Rigenerarsi nelle feste: 6 consigli per il benessere

19/12/2015

Le feste di Natale e di fine anno sono attese da tutti, per un motivo o per un altro. Relax, viaggi, raccoglimento spirituale, famiglia: ognuno associa alle feste un piacere personale. Ma soprattutto queste possono risultare davvero rigeneranti per il nostro benessere psichico, purché siano «“maneggiate” con cura», avverte la dottoressa Katia Rastelli, psicologa della Sezione di Chirurgia Bariatrica dell’ospedale Humanitas. Ecco come prendere il meglio dalle feste, ricaricare le batterie e affrontare con determinazione il nuovo anno:

  • Attenzione agli altri ma anche a sé. “Maneggiare con cura” le feste significa che la «vera rilassatezza riesce a trovare spazio solo all’interno di una buona organizzazione, un sano equilibrio tra lo spazio da dedicare a sé e quello da dedicare agli altri, ossia alle relazioni. Hobby, riposo, relax sono fondamentali tanto quanto il lavoro e la cura degli altri e ci servono per star bene psicologicamente».

(Per approfondire leggi qui: La ricetta della felicità? Musica, compagnia e altruismo)

  • Godiamoci il tempo libero. Lo si può trascorrere «con le persone che ci rendono felici o per quelle attività piacevoli che magari non riusciamo a fare durante l’anno. In più il Natale ci invoglia a lasciarci andare, alla riscoperta di noi stessi e di antichi piaceri condivisi (il buon cibo in primis). Prendiamolo come un tempo limitato nel quale goderci le cose e il tempo, senza l’orologio che ci opprime e, soprattutto, senza sensi di colpa».

Il benessere psichico durante le feste passa dalla cura di sè e degli altri, ma con moderazione

  • Altruisti tutto l’anno. «Gli “altri” intorno a noi ci sono tutto l’anno, forse ha poco senso “concentrare” tutto durante le feste. Piuttosto, se ne abbiamo desiderio, diamo loro spazio ogni volta che li pensiamo, basta poco (una telefonata, un messaggio, se non proprio una visita)».
  • Piacere, non dovere. «Seguire la bussola del “piacere” e non sempre del “dovere”, non solo per le feste ma sempre: ci sentiremmo più liberi e rilassati. Il tempo dedicato agli altri diventerebbe tempo di qualità. Per evitare che il nostro tempo libero soccomba ai doveri (di rappresentanza, impegni familiari, stress da regalo, ecc.) organizzare il proprio tempo seguendo la piacevolezza nel fare le cose».
  • Genitori e figli. «La parola magica è condivisione. Le feste sono un’ottima possibilità per sedersi intorno a un tavolo e confrontarsi tutti insieme rispetto a necessità, sogni, desideri, possibilità».

(Per approfondire leggi qui: Italia senza sorriso: al 50° posto secondo l’indice della felicità)

  • Fine anno, tiriamo le somme. «Approfittiamo della fine dell’anno per fare i conti e goderci i risultati delle fatiche che ci lasciamo alle spalle. Se il bilancio non è proprio positivo è fondamentale mettere a fuoco che cosa non ha funzionato, rimboccarsi le maniche e stendere un piano d’azione con degli obiettivi per i quali impegnarsi con l’inizio del nuovo anno».

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita