Stai leggendo Sesso, quale attività fisica fa bene?

Benessere

Sesso, quale attività fisica fa bene?

10/11/2015

Un argomento che magari può convincere anche i più pigri: l’attività fisica fa bene al sesso. Quante volte è stato ripetuto che l’esercizio fisico regolare aiuta a star meglio? Ebbene, tra le ricadute del movimento c’è anche un miglioramento del desiderio, dell’aspetto fisico e del benessere sessuale.

Più in salute, più felici e magari più longevi: è quanto si può trarre dall’esercizio fisico. Anche l’umore ne risente: si è più “leggeri” e meno stressati. Con l’attività fisica nel cervello vengono stimolati diversi neurotrasmettitori che aiutano a sentirsi più felici e rilassati, magari con una migliore autostima.

(Per approfondire leggi qui: Più longevi grazie all’esercizio fisico)

È noto come l’attività fisica migliori l’efficienza del sistema cardiovascolare, le funzioni metaboliche, digestive e respiratorie. Migliora dunque la circolazione e l’ossigenazione dell’organismo. 

Ma perché tutto questo migliora anche la vita sessuale?

«Tutte le funzioni biologiche beneficiano della regolare attività fisica e dunque anche la funzione sessuale e riproduttiva. Chi è fisicamente attivo sta bene da tutti i punti di vista», sottolinea la professoressa Daniela Lucini, responsabile della Sezione di Medicina dell’esercizio dell’ospedale Humanitas. «Il benessere è a 360°. Spesso – aggiunge la specialista – chi ha problemi di natura psicologica è anche spesso fuori allenamento e tutto questo può riverberarsi sulla vita sessuale, possono manifestarsi disturbi come talvolta anche l’impotenza o il calo del desiderio».

(Per approfondire leggi qui: Calo del desiderio, nemico dell’amore)

La regolare attività fisica invece può rendere più energici e di bell’aspetto, può potenziare il desiderio sessuale e far crescere la soddisfazione nei rapporti. Inoltre negli uomini può avere anche un effetto protettivo nei confronti della disfunzione erettile. Qualche anno fa una ricerca presentata al Congresso nazionale della Società italiana di Andrologia è andata oltre valutando lo sport come uno strumento utile anche per il trattamento della disfunzione erettile. Lo studio, realizzato in Italia su 60 pazienti affetti da disfunzione erettile fra i 40 e i 60 anni di età, incluse nel trattamento 3 ore di attività aerobica a settimana con risultati soddisfacenti.

(Per approfondire leggi qui: Come prevenire la disfunzione erettile degli anziani?)

Sesso migliore con attività fisica aerobica che fa sudare

Secondo la Società italiana di Andrologia basta bruciare circa 1.500 kilocalorie a settimana per aver giovamento nei rapporti sessuali, passeggiando, nuotando, facendo jogging, pedalando in bicicletta o sulla cyclette.

«Sono proprio queste le attività fisiche che possono migliorare l’attività sessuale. L’importante è che siano attività aerobiche, che facciano sudare, svolte a un’intensità moderata. Non ci si deve concentrare sull’aumento della massa muscolare: l’ossessione per un aspetto fisico piacente, infatti, può nascondere anche l’insidia del doping con ricadute, questa volta negative, sulla salute sessuale e riproduttiva. Per star bene anche sotto le lenzuola bisogna invece praticare quelle attività fisiche che facciano muovere tutto il corpo, persino il ballo!», conclude la professoressa Lucini.

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita