In Salute

Donne: come smettere di russare?

23/05/2022

Lo “stereotipo del russatore” vuole che sia maschio, spesso sovrappeso oppure obeso. Se ciò è vero per un certo verso, dall’altra molte persone non sanno che dopo la menopausa anche le donne hanno la stessa probabilità degli uomini di russare e soffrire di apnee ostruttive del sonno.

Perché le donne russano e cosa fare per smettere? Approfondiamo l’argomento con il dottor Fabrizio Salamanca, responsabile del Centro per la Diagnosi e Cura della Roncopatia di Humanitas San Pio X.

 

Roncopatia semplice: le cause del russamento

«Le cause del russamento – o roncopatia semplice – sia nei maschi, sia nelle femmine, sono diverse e possono anche portare alla Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno, nota più comunemente con l’acronimo OSAS, che è una malattia vera e propria», spiega il dottor Salamanca.

«L’OSAS è una condizione molto comune provocata dall’interruzione del respiro durante il sonno notturno, che può capitare anche in età pediatrica. Tra i possibili motivi del russamento e delle apnee, anche nelle donne, indichiamo obesità e sovrappeso, alterazioni anatomiche delle prime vie aeree, alterazioni ormonali in menopausa, età, rilassamento delle strutture palatali e della faringe.

Chi russa, quindi, non solo disturba chi gli dorme accanto, ma rischia di avere ripercussioni sulla propria salute se ha le apnee e non le cura. La roncopatia con apnee infatti può diventare un importante fattore di rischio per patologie metaboliche, cardiovascolari, diabete».

 

Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno (OSAS): chi ne soffre non sempre ne è consapevole

«Le apnee ostruttive del sonno sono una patologia molto frequente e poco diagnosticata perché nella maggioranza dei casi le persone che ne soffrono non si rivolgono al proprio medico», continua il dottor Salamanca.

«La percezione comune circa il russare durante il sonno riguarda più il disturbo per chi dorme accanto, rispetto a una patologia vera e propria, specie se si pensa al fatto che può arrivare a dare “soffocamenti” prolungati. Spesso però sono le persone conviventi con chi russa a chiedere di rivolgersi a uno specialista per risolvere il problema e recuperare il proprio sonno. Tuttavia, il campanello d’allarme di chi russa dovrebbe essere quello di svegliarsi già stanchi al mattino dopo quello che si ritiene essere un sufficientemente lungo sonno notturno». 

 

Russare: quali sono le conseguenze?

«Un sonno continuamente interrotto da apnee e russamento, è un sonno troppo superficiale e mai profondo per essere ristoratore – dice l’esperto -. A causa della scarsa ossigenazione dell’organismo, in particolare del cervello, causata dalle ripetute apnee e dai continui e inconsci microrisvegli che possono essere fino a centinaia in una sola notte, durante il giorno la persona può avvertire stanchezza, sonnolenza diurna nel lavoro e alla guida, difficoltà di concentrazione, mal di testa.

Inoltre, gli eccessi di sonnolenza diurna spesso improvvisi e rapidissimi, a volte anche di soli 2-4 secondi (micro-sleep) possono causare gravi incidenti con danni a se stessi agli altri sulla strada e sul lavoro. Sulla scena di molti incidenti stradali infatti non vengono ritrovate tracce di frenata e questo è il classico “colpo di sonno” dovuto a un sonno disturbato. Troppo spesso però si tende ad associare questi sintomi con lo stress del lavoro, con un periodo particolarmente difficile o impegnativo, e non alla roncopatia». 

 

Cosa fare per smettere di russare? 

«Per smettere di russare è importante capire cosa causa il russamento e agire con terapie specifiche e mirate al proprio problema. Per farlo, è necessario rivolgersi a un medico per una visita specialistica in roncopatia, effettuare una diagnosi accurata ed esami specifici come la Polisonnografia o la Sleep Endoscopy. Sulla base della valutazione clinica e diagnostica, lo specialista proporrà al paziente percorsi terapeutici o di approfondimento diagnostico, se necessari. In genere, perdere peso, eliminare alcolici e cambiare le abitudini del sonno, possono portare benefici, ma può non bastare a migliorare la qualità del sonno. In alcuni casi possono essere indicati dispositivi orali come i bite antirussamento o terapie ventilatorie come la CPAP; in casi selezionati – conclude il dottor Salamanca -, anche la chirurgia può portare enormi benefici, specie grazie alle nuove tecniche sempre più mirate e mininvasive».

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita