Stai leggendo “Intestino irritabile, semi di chia rimedio per ridurre i sintomi”, vero o falso?

Vero/Falso

“Intestino irritabile, semi di chia rimedio per ridurre i sintomi”, vero o falso?

22/11/2016

Molte persone affette da sindrome dell’intestino irritabile, spesso alla ricerca di un rimedio, ritengono che i semi di chia siano efficaci per ridurre il disagio dei sintomi dell’intestino irritabile. Vero o falso? Risponde il professor Silvio Daneseresponsabile del Centro Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali di Humanitas e docente di gastroenterologia all’Humanitas Univerisity. 
 
Falso. Anche se i semi di chia presentano proprietà e nutrienti potenzialmente efficaci nei confronti dell’infiammazione del colon all’origine della sindrome comunemente chiamata dell’intestino irritabile, tuttavia non esistono ancora studi clinici che ne supportino la reale efficacia sull’uomo – spiega l’esperto. – Pertanto, nonostante l’entusiasmo espresso dai pazienti e sul web, ulteriori studi sono certamente necessari per testare i reali benefici dell’uso dei semi di chia nell’intestino irritabile. Per spiegarne il successo, i semi di chia sono balzati all’attenzione dei ricercatori per l’elevata presenza di acidi grassi essenziali di tipo omega-3 PUFA, comunemente noti come omega-3 o grassi “buoni”, che fanno di questi piccoli semi una valida alternativa all’olio di pesce e all’olio di semi di lino usati nella dieta per tenere sotto controllo l’infiammazione. Infatti, come ormai noto, gli omega-3 sono grassi, non prodotti dal nostro organismo e per questo devono essere assunti con gli alimenti, efficaci nel ridurre i processi infiammatori nell’organismo all’origine di diverse patologie tra cui anche l’infiammazione del tratto intestinale alla base del colon irritabile. Insieme all’elevata presenza di omega-3, i semi di chia contengono anche fibra solubile (5%) e insolubile (90% circa) che, assorbendo quantità importanti di acqua nell’organismo una volta assunti con la dieta e seguiti dall’assunzione di acqua o altri liquidi, favoriscono l’aumento del volume delle feci che diventano più morbide. Sembra quindi che omega-3 e fibre dei semi di chia, insieme, aiutino a ridurre l’infiammazione dell’intestino oltre a favorire la regolarità dell’intestino in caso di stitichezza, sintomo frequente nell’intestino irritabile. In merito alle quantità, un cucchiaio di semi di chia contiene il 19% di fibra, ovvero circa 5g dei 25g raccomandati della quantità giornaliera consigliata per gli adulti.”

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita