Reni e urologia

Reni, 7 consigli per ostacolare la formazione dei calcoli

13/08/2018

Una pianta asiatica contro i calcoli renali? L’estratto di Garcinia Cambogia sarebbe in grado di dissolvere i cristalli di ossalato di calcio, il componente più comune dei calcoli renali. Le sue proprietà sono state testate da un team della University of Houston (Usa). I risultati sono stati pubblicati su Nature.

L’estratto finito sotto la lente d’ingrandimento degli scienziati è l’acido idrossicitrico che agirebbe come inibitore della crescita di questi cristalli di ossalato di calcio. L’auspicio del team è quello di mettere a punto un nuovo trattamento preventivo per la formazione di calcoli renali in alternativa al potassio citrato a cui oggi si ricorre.

Allo studio hanno partecipato anche sette volontari che hanno assunto il supplemento di acido idrossicitrico per tre giorni permettendo ai ricercatori di valutare se l’acido veniva espulso con le urine. L’espulsione tramite le urine è un requisito necessario affinché il supplemento possa essere utilizzato come trattamento preventivo per i calcoli renali.

«Si tratta di uno studio molto preliminare che ha valutato l’efficacia di un estratto in cui è presente il citrato, un protettore della salute dei reni perché, unendosi al calcio, non lo fa legare all’ossalato inibendo la formazione dei calcoli», spiega il dottor Alberto Saita, urologo dell’ospedale Humanitas.

 

I consigli da seguire contro il rischio di calcoli?

  • Dieta mediterranea: «La nostra dieta è un regime alimentare indicato per contenere il rischio di sindrome metabolica, caratterizzata da ipertensione, sovrappeso/obesità e tendenza al diabete, tutte condizioni che possono favorire la formazione dei calcoli. Bisogna dunque ridurre il consumo di zuccheri e carboidrati molto raffinati e preferire, ad esempio, il consumo di prodotti integrali e a base di farine più grezze»;
  • Molti agrumi: «Gli agrumi contengono il citrato che, come accennato, unendosi al calcio inibisce la formazione dei calcoli»;
  • Poca carne rossa e poco sale: «Un consumo eccessivo di carne rossa si ripercuote negativamente sulla salute dei reni per l’alto contenuto di acido urico. Allo stesso modo una dieta ricca di sale promuove la calcolosi»;
  • Idratazione: «Mai dimenticarsi di bere tanta acqua. Con un adeguato apporto di liquidi le urine saranno meno concentrate e dunque meno acide e il volume urinario sarà maggiore ostacolando così la precipitazione dei sali e dunque la creazione di calcoli»;
  • Dieta ricca di potassio (patate, carote, banane, zucchine, melanzane, legumi, verdure a foglia verde): «Oltre all’idratazione è importante anche introdurre un giusto apporto di potassio, un minerale che contrasta l’iperacidità urinaria»;
  • Un po’ di calcio al giorno: «Latte, yogurt e formaggio non dovrebbero mai mancare dalle nostre tavole. Il calcio protegge dai calcoli: riducendo l’apporto di calcio resta disponibile l’acido ossalico che può legarsi al calcio urinario e promuovere la formazione di aggregati e dunque di calcoli»;
  • Attività fisica: «La sedentarietà è deleteria perché può aumentare il rischio di sindrome metabolica. Inoltre, se ci si muove, si suda e si sente di più il bisogno di bere».

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita