Stai leggendo Lo sport di squadra per i teenager: benefici anche per la mente

Bambini

Lo sport di squadra per i teenager: benefici anche per la mente

29/04/2019

Lo sport? Meglio se di squadra, specie per i preadolescenti. A rivelarlo è una ricerca della Washington University di Saint Louis: l’attività fisica non costituisce soltanto un toccasana per il corpo, ma presenta benefici anche per la mente e l’umore dei giovanissimi, specie se praticato in squadra. Ne abbiamo parlato con la professoressa Daniela Lucini, Responsabile di Medicina dell’esercizio in Humanitas.

 

Primo studio sui preadolescenti

Non importa che sia calcio, rugby o pallacanestro; la partecipazione agli sport di squadra è collegata a una minore probabilità di depressione nei teenager e a modificazioni nella struttura del loro cervello. Ad aprire nuovi scenari per contrastare i problemi dell’umore nei teenager è lo studio pubblicato sulla rivista Biological Psychiatry: Cognitive Neuroscience and Neuroimaging. I ricercatori hanno esaminato un campione di oltre 4 mila bambini di età compresa fra i 9 e gli 11 anni, i cui genitori hanno fornito informazioni sulla partecipazione dei loro figli a sport o altre attività e su eventuali sintomi depressivi. Le scansioni cerebrali dei bambini hanno fornito dati sul volume del loro ippocampo, un’area del cervello importante per la memoria e per l’umore. Mentre altri studi hanno dimostrato l’impatto positivo dell’esercizio sulla depressione e il legame con il volume dell’ippocampo negli adulti, questo studio è tra i primi a dimostrare che la partecipazione agli sport di squadra può avere effetti antidepressivi simili nei bambini preadolescenti.

Articoli correlati

Un potente antidepressivo

«Abbiamo scoperto che il coinvolgimento nello sport è correlato a un aumento del volume dell’ippocampo e alla riduzione della depressione nei giovanissimi», ha dichiarato Lisa Gorham, autrice principale dello studio. Queste relazioni sono risultate particolarmente forti in chi faceva parte di squadre scolastiche e società sportive rispetto a chi aveva un impegno più informale nelle attività fisiche, e questo probabilmente per la maggior interazione sociale o alla regolarità che comporta il lavoro in team. Sebbene non sia stato possibile dimostrare una relazione causale specifica –in altre parole se sia la partecipazione allo sport di squadra a rappresentare un antidepressivo o siano i bambini a maggior rischio depressivo che tendono a praticare questo tipo di attività sportive – i ricercatori sottolineano l’importanza di approfondire il tema con altri studi sulla prevenzione e il trattamento di questa condizione nei giovani perché «se venisse confermato l’impatto degli sport sull’umore e lo sviluppo del cervello, si potranno stabilire nuovi approcci per prevenire la depressione».

 

Il parere di Humanitas

«Sicuramente lo sport può avere moltissimi benefici – ha aggiunto la specialista -, oltre quelli legati alla salute fisica. Sono molti i dati che mostrano come lo sport possa essere uno strumento importante per la gestione di problematiche legate a stress, depressione. Quello di squadra in particolare nei ragazzi, ma anche quello da svolgersi da soli. Le spiegazioni sono molteplici: di fatto lo svolgere regolare attività fisica è in grado di modificare alcuni meccanismi implicati nella regolazione dell’umore. Non va poi dimenticato il ruolo di socializzazione, né il ruolo educativo dello sport».

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita