Stai leggendo Cuore, vitamine e salute: dieta sana migliore degli integratori

Alimentazione

Cuore, vitamine e salute: dieta sana migliore degli integratori

05/06/2018

Gli integratori multivitaminici sono sempre più presenti nella nostra vita, anche quando si parla della salute del cuore. Oggi che si conosce ed è riconosciuta l’importanza di vitamine e oligoelementi per la salute generale del nostro organismo, l’offerta di integratori multivitaminici, singole vitamine o minerali è sempre più vasta. Un recente lavoro di revisione che ha valutato studi e raccomandazioni sull’uso degli integratori pubblicati negli ultimi 4 anni, e riportato sul Journal of the American College of Cardiology, fa il punto sulla loro efficacia per la salute del cuore. La conclusione a cui arrivano i ricercatori dell’Università di Toronto è che le evidenze non sono sufficienti a sostenere l’indicazione all’assunzione di uno o più integratori per migliorare la prognosi cardiovascolare. «Era già noto che fossero scarse le evidenze sull’efficacia degli integratori sulla prevenzione delle patologie cardiovascolari – spiega la dottoressa Maddalena Lettino, del Dipartimento Cardiovascolare di Humanitas -. Resta pertanto molto più utile suggerire una dieta equilibrata e priva di alimenti nocivi alla salute del cuore, che raccomandare l’impiego sistematico di qualsivoglia complesso vitaminico o antiossidante».

Integratori di vitamine, non sempre fanno bene al cuore

Ad oggi, quindi, non è possibile dire che nella prevenzione delle patologie cardiovascolari esista una maggiore efficacia o siano maggiori i benefici dell’assunzione di vitamine con integratori o con complessi multivitaminici, rispetto a quelle assunte con l’alimentazione. «Come hanno dichiarato i ricercatori canadesi – spiega la dottoressa Maddalena Lettino – servono ulteriori studi ed evidenze. Vitamina C, D, betacarotene, selenio e calcio, oppure complessi multivitaminici a base di vitamine del gruppo B o antiossidanti, infatti, non solo hanno dimostrato scarsa efficacia nella prevenzione cardiovascolare ma si sono talora associati con un aumento degli eventi avversi cardiaci o cerebrovascolari, talora contribuendo alla piena espressione di qualche altro fattore di rischio cardiovascolare, come accade per esempio con la niacina (vitamina del gruppo B) che parrebbe influenzare negativamente la risposta glicemica. Anche l’acido folico, che fino a qualche anno fa, in un ampio studio cinese, aveva dimostrato di essere efficace nel ridurre gli eventi cardiovascolari e in modo particolare l’ictus – continua l’esperta – oggi, viene messo in discussione. Nessuna necessita’ pertanto di ricorrere ad una vera e propria assunzione di supplementi alimentari – conclude la dottoressa Maddalena Lettino – le vitamine e i principi minerali di cui si ha bisogno si possono tranquillamente assumere adottando una dieta sana ed equilibrata come quella mediterranea».

Articoli correlati

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita