Stai leggendo Pancia gonfia: quando è colpa dell’intolleranza

Alimentazione

Pancia gonfia: quando è colpa dell’intolleranza

06/08/2014

Capita a tutti di avere la pancia gonfia, ma per alcuni il problema può diventare una costante. Alla sua base potrebbe esserci un’intolleranza alimentare: una volta nell’intestino gli alimenti ai quali l’organismo è intollerante vengono fermentati dalla flora batterica, causando meteorismo e gonfiore addominale.

I principali alimenti chiamati in causa sono latte e derivati, cibi contenenti lievito, quelli con zuccheri o loro sostituiti e quelli che contengono glutine.

«Occorre però precisare – spiega Beatrice Salvioli, consultant nell’Unità Operativa di Gastroenterologia Clinica in Humanitas – che molti pazienti credono di essere intolleranti a questi alimenti anche se non lo sono oggettivamente, ovvero non hanno evidenze ai test, e li eliminano spontaneamente dalla dieta creando importanti deficit di apporto vitaminico o del calcio fornito dal latte».

 

Intolleranze alimentari, scoprirle grazie a un diario alimentare

Come fare per essere sicuri che per sconfiggere la pancia gonfia sia necessario escludere particolari cibi dall’alimentazione quotidiana?

«Il metodo più rapido, facile ed economico è quello di far tenere un diario alimentare della durata di almeno 14 giorni in cui il soggetto annota i cibi che assume quotidianamente e la reazione fisica che avverte – spiega l’esperta –. Altre modalità, ma non scientificamente testate, sono i test per le intolleranze alimentari che possono essere eseguiti su prelievo di sangue o mediante strumenti della medicina alternativa o complementare».

Di norma una volta accertata l’intolleranza i cibi che ne scatenano i sintomi dovrebbero essere eliminati dalla dieta per un periodo di tempo variabile da 1 a 3 mesi.

«Sarebbe consigliabile però seguire il metodo della cosiddetta “rotazione”, in cui l’alimento viene assunto solo due volte alla settimana, intervallate da giorni di eliminazione», consiglia l’esperta, spiegando che in questo modo l’organismo viene gradualmente disintossicato e poi riabituato all’assunzione dell’alimento responsabile dell’intolleranza.

In alcuni casi può essere utile anche l’assunzione di probiotici, che possono ristabilire l’equilibrio della flora batterica. Attenzione, però. «In alcuni soggetti – avverte la dottoressa Salvioli –, i probiotici possono peggiorare il gonfiore, soprattutto quelli contenenti lattosio».

Infine, un aiuto può arrivare dai prebiotici, sostanze non digeribili di origine alimentare. «Se assunte in quantità adeguata – spiega l’esperta – favoriscono selettivamente la crescita e l’attività di uno o più batteri già presenti nel tratto intestinale».

 

 

 

 

 

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita