Stai leggendo Hai la dermatite? Puoi non rinunciare alla piscina

Benessere

Hai la dermatite? Puoi non rinunciare alla piscina

02/05/2015

«Dobbiamo sfatare un mito: non è vero che il cloro presente nelle piscine irrita la pelle. Anzi: in realtà la disinfetta».

A parlare è Marcello Monti, responsabile della Dermatologia in Humanitas e docente all’Università degli Studi di Milano: «A differenza di quello che comunemente si crede, se la pelle è integra e sana il cloro disciolto nell’acqua della piscina non svolge nessuna azione irritativa. Altro discorso deve invece essere fatto se sono presenti dermatiti atopiche, psoriasi, eczemi o altre patologie cutanee a causa delle quali la funzione “barriera” della cute viene meno: in questi casi, infatti, il cloro riesce a penetrare negli strati più profondi della pelle, dando vita a fenomeni di irritazione e infiammazione. Ma se la pelle è integra, ripeto, il cloro non nuoce in alcun modo».

Il cloro è uno dei migliori disinfettanti ad azione antibatterica: è una piccola molecola in grado di penetrare nelle cellule batteriche e produrre un’ossidazione letale per i batteri stessi. È il disinfettante più utilizzato nelle piscine, è infatti in grado di difendere l’ambiente acquatico dalla proliferazione di batteri, funghi e virus.

 

Sì alla piscina, anche con la dermatite

Tra le patologie più diffuse in ambito dermatologico c’è la dermatite atopica, che colpisce indifferentemente adulti e bambini. È capitato che diversi pazienti abbiano riferito di un peggioramento della loro dermatite in seguito alla frequentazione della piscina.

Che cosa si deve fare in questo caso, abbandonare la piscina? «Assolutamente no – spiega l’esperto –. Andare in piscina garantisce a grandi e bambini lo svolgimento di uno sport sano e completo e offre la possibilità di socializzare, soprattutto ai più piccoli: i benefici risultano quindi comunque sempre superiori ai costi. Sì quindi alla piscina, anche nel caso in cui si soffra di dermatite atopica, ma con i giusti accorgimenti».

Ecco i tre consigli del dermatologo: «Il primo consiglio è farsi una doccia di acqua dolce senza l’utilizzo di detergenti (né shampoo, né bagnoschiuma) appena usciti dalla piscina. È bene poi asciugare a fondo la pelle per non lasciarla umida, prestando particolare attenzione alle pieghe cutanee (quelle tra le dita dei piedi, ad esempio, ma anche l’inguine). Infine, spalmare nelle aree del corpo interessate dalla dermatite una piccola quantità di crema lenitiva: a base di polveri minerali come magnesio silicato e ossido di zinco, ha azione essiccante, astringente, antinfiammatoria e antipruriginosa, ideale per trattare questo tipo di lesioni dermatologiche».

 

Dermatite, articoli correlati

 

 

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita