Stai leggendo Come riconoscere la sindrome del tunnel carpale dai sintomi

Benessere

Come riconoscere la sindrome del tunnel carpale dai sintomi

24/09/2014

Il tunnel carpale e i suoi sintomi: tutti ne parlano, ma pochi sanno di che cosa si tratti.

Il polso non è un semplice punto di giunzione tra il braccio e la mano. Al suo interno scorre infatti un nervo – il nervo mediano – senza il quale moltissime delle sensazioni percepite dalle dita e alcuni movimenti del pollice non sarebbero possibili. La sua compressione può portare a formicolii e dolori che sono il segnale della presenza di una patologia molto nota: la sindrome del tunnel carpale. Abbiamo chiesto ad Alberto Lazzerini, ortopedico responsabile dell’Unità Operativa di Chirurgia della Mano in Humanitas, di spiegarci quali sono i sintomi di questa problematica e come distinguerli da quelli di disturbi associati ad altri nervi.

 

Il tunnel carpale si manifesta con formicolio e dolore

«La sindrome del tunnel carpale si manifesta solitamente con formicolio e talvolta dolore, prevalentemente notturno, alle prime dita della mano», spiega Lazzerini, aggiungendo che in realtà i sintomi possono estendersi anche a tutto l’arto superiore. In genere i primi problemi con cui si ha a che fare sono l’intorpidimento e il formicolio del pollice, dell’indice, del medio o dell’anulare, ma non del mignolo. I fastidi possono presentarsi a intermittenza, ma al peggiorare della situazione possono diventare una costante.

«Nei casi più avanzati – aggiunge l’esperto – può comparire anche un deficit motorio». La debolezza della mano e delle dita può addirittura arrivare a ridurre le capacità di afferrare saldamente gli oggetti.

Articoli correlati

Tunnel carpale, attenzione a non confondere i sintomi

In tutti i casi i sintomi del tunnel carpale si distribuiscono nelle zone innervate dal nervo mediano. Ciò permette di distinguere la sindrome del tunnel carpale da problemi che riguardano ad esempio il nervo ulnare, nel cui caso intorpidimenti e formicolii riguardano tipicamente anulare e mignolo e sono associati a problemi al gomito.

«Esistono però variazioni anatomiche nella distribuzione dell’innervazione che possono confondere i sintomi – precisa l’esperto –. In caso di forte irritazione una sofferenza radicolare cervicale può dare sintomi sovrapponibili, ma un attento esame clinico in genere può sciogliere il dubbio».

In passato sono state molte le attività manuali accusate della comparsa di questi disturbi. «In realtà – spiega il dottor Lazzerini – non c’è consistenza in queste ipotesi». Piuttosto, a far emergere i sintomi della sindrome del tunnel carpale possono essere condizioni associate alla ritenzione di liquidi, come il diabete, la gravidanza e l’assunzione di farmaci anticoncezionali. Per il resto, non esistono strategie concrete davvero efficaci per prevenire la comparsa di questi problemi.

 

 

 

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita