Stai leggendo Chiropratica: di cosa si tratta e a chi è adatta

In Salute

Chiropratica: di cosa si tratta e a chi è adatta

10/06/2021

Sempre più persone in Italia, a causa della vita sedentaria imposta dal proprio lavoro, sono colpite da disturbi posturali e problematiche che riguardano la schiena. La chiropratica è una disciplina che si interessa di mantenere e riabilitare la salute dell’uomo, e che in particolare si occupa del benessere della colonna vertebrale. Per questa ragione potrebbe rappresentare un valido aiuto per chi ha sviluppato questo genere di patologie. Ne abbiamo parlato con il dottor Davide Veronese, chiropratico in Humanitas Medical Care Milano Domodossola.

Di cosa si occupa la chiropratica?

La chiropratica, basandosi sulla terapia manuale dello specialista, è particolarmente adatta e potrebbe dare benefici ed essere risolutiva nel caso di problemi di tipo meccanico; potrebbe invece non essere efficace in presenza di infiammazioni. In particolare la chiropratica è indicata per chi soffre di lombalgie, mal di schiena, mal di testa o sciatica, ernie del disco e cervicalgie.

A chi è adatta la chiropratica?

La chiropratica è una terapia che può essere adatta a tutte le fasce d’età, a partire dai quindici anni fino alle persone in età più avanzate che soffrono di dolori alla schiena e alla colonna vertebrale. Alla base di molti disturbi ci sono problemi meccanici  che possono aver avuto origine in traumi sportivi o nei microtraumi quotidiani causati dall’assunzione di posture scorrette e da abitudini sedentarie

Come si svolge un trattamento chiropratico?

Per poter capire come procedere con la terapia chiropratica e stabilire il piano d’intervento, è necessario verificare che per il disturbo del paziente sia sufficiente il trattamento manuale e non sia necessario affiancarlo con una terapia farmacologica. Una terapia chiropratica base si fonda su 9 o 10 sedute indicativamente a cadenza settimanale. Per i casi più gravi o per i pazienti che hanno bisogno di un percorso riabilitativo la terapia può avere anche cadenza bisettimanale. 

La durata della terapia e la frequenza dipendono in ogni caso dal tipo di disturbo che il chiropratico si trova a trattare e vengono valutate dopo aver individuato la patologia: ci sono per esempio problematiche che si risolvono già dopo sei sedute, altre che invece richiedono percorsi più lunghi. Il chiropratico inoltre consiglia anche delle abitudini da seguire e degli esercizi da svolgere a casa per rafforzare la colonna vertebrale e velocizzare il percorso di guarigione. 

Qual è la differenza tra chiropratica e fisioterapia?

La chiropratica si concentra in particolare sulle problematiche legate alla colonna vertebrale, mentre la fisioterapia ha un campo di applicazione più ampio. Un chiropratico si forma attraverso studi all’estero e attraverso un percorso di studi di almeno cinque anni, nei quali si approfondiscono sia la rieducazione, sia gli aspetti di tipo radiologico della colonna vertebrale e del movimento. 

La mobilizzazione della colonna vertebrale effettuata con la chiropratica è diversa rispetto a quella fisioterapica. Tuttavia risulta fondamentale la collaborazione e il lavoro in équipe di ortopedici, fisiatri, fisioterapisti e chiropratici, come avviene in Humanitas Medical Care.

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita