Reni e urologia

Poliuria: quel bisogno frequente di andare in bagno

30/01/2019

Capita facilmente se siamo sotto stress. Il bisogno di urinare si fa più frequente e intenso proprio per colpa dell’emotività che accentua tutti gli stimoli. Se però questo sintomo si ripresenta anche in situazione normali, quando siamo tranquilli, allora forse soffriamo di poliuria (o pollachiuria). Questo disturbo, legato al bisogno di urinare più di 3 o 4 volte all’ora, può essere un segnale da non sottovalutare. Vediamo di che cosa si tratta e quali potrebbero essere i motivi legati a questo disturbo insieme al dottor Francesco Greco, responsabile di urologia di Humanitas Gavazzeni.

 

Una sete eccessiva

I medici raccomandano di bere un litro e mezzo d’acqua al giorno. Al massimo due. Questa quantità è necessaria ad idratare le cellule ma anche a far lavorare i reni, nonché ad assicurare che il corpo traspiri adeguatamente e che possa termoregolarsi.

Se la sete è maggiore, magari perché si è un po’ ansiosi o perché si segue una dieta ipocalorica, è bene ricordare che l’idratazione deriva anche dall’alimentazione. In particolare da frutta e verdura.

Articoli correlati

La pressione alta e i diuretici

Chi ha la pressione alta è costretto a prendere i diuretici proprio per aiutare ad abbassarla.

Questo serve a diminuire il volume corporeo del sangue e, in questo modo, anche ad abbassare la pressione interna.

Se la produzione di urina è eccessiva è bene consultare un medico. Questo sintomo può dipendere da una disidratazione interna.

 

Presenza di diabete

II diabete è una malattia metabolica che impedisce all’insulina di controllare i livello di zuccheri nel sangue. Quando nel corpo resta troppo glucosio l’organismo cerca di eliminarlo producendo più urina e danneggiando allo stesso tempo i nervi della vescica, con la conseguenza di un rischio più alto di infezioni urinarie.

 

Problemi alla prostata

L’ipertrofia prostatica benigna colpisce gli uomini non più giovani e consiste nel bisogno frequente di urinare anche se l’urina prodotta è poca. Può svilupparsi dopo i 45 anni per via dell’ingrossarsi della vescica che preme sull’uretra. In tal caso è consigliabile una visita urologica che possa escludere anche la presenza di patologie più serie, come quelle tumorali.

 

Cistiti e fibromi

Uno dei sintomi più lampanti della cistite è proprio il costante bisogno di urinare, anche in assenza di stimolo reale. Infestata dai batteri, la vescica è infiammata e gonfia e gli spasmi al suo interno fanno immaginare di dover correre in bagno anche se in realtà l’urina è presente in quantità veramente minime.

Anche la presenza di un fibroma, un tumore benigno che si può sviluppare più facilmente nelle donne in età fertile per via degli estrogeni, può creare una pressione sulla vescica che aumenta il bisogno di urinare.

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita