Stai leggendo Ginocchio del corridore, cos’è e come curarlo?

Ortopedia

Ginocchio del corridore, cos’è e come curarlo?

27/07/2018

Nel linguaggio scientifico viene chiamata sindrome della bandelletta ileotibiale ma è maggiormente nota come ginocchio del corridore. Si tratta di un dolore continuo che colpisce la parte laterale del ginocchio, in particolare durante o dopo una corsa o una camminata a passo sostenuto. Di cosa si tratta esattamente? Quali sono i trattamenti più indicati? Ne parliamo con il dottor Stefano Respizzi, direttore del Dipartimento di Riabilitazione e Recupero funzionale in Humanitas.

 

Il dolore innescato dall’infiammazione

La sindrome della bandelletta ileotibiale è un processo infiammatorio della zona ileotibiale, ovvero l’ultimo tratto della fascia lata che riveste i muscoli superficiali della coscia. A provocarlo può essere un attrito meccanico che può essere dovuto a un sovraccarico in presenza di fattori predisponenti. Giocano un ruolo fattori di natura anatomica, come il varismo del ginocchio, il varismo della tibia o la dismetria degli arti inferiori. A questi si sommano poi il sovraccarico, la pratica sportiva su terreni duri o irregolari o l’assunzione di posture improprie nella corsa o nella camminata sportiva.

Articoli correlati

 

Sintomi, diagnosi e terapie possibili

Il “ginocchio del corridore” viene inizialmente avvertito come una sensazione di rigidità, in particolare nella zona laterale esterna. Chi ne soffre avverte dolore al ginocchio quando flette o estende l’articolazione. A volte il dolore è tale da impedire la prosecuzione dell’attività sportiva e tende a regredire con il riposo. In presenza di questi sintomi è bene rivolgersi da uno specialista che valuterà la flessibilità e la forza muscolari, l’anatomia degli arti inferiori, la camminata del paziente e la localizzazione del dolore, anche mediante specifici test. Eventuali esami strumentali (ecografia, radiografia) possono essere utili laddove sia necessaria una diagnosi differenziale con altre patologie dalla sintomatologia simile. Una volta individuato il problema l’approccio terapeutico è molteplice. In generale si si inizia con trattamenti di tipo conservativo fra cui la crioterapia, le infiltrazioni, la laserterapia e le onde d’urto, da abbinare ad esercizi di stretching della fascia lata e della bandelletta ileotibiale e l’adozione di plantari sportivi personalizzati, da inserire all’interno delle scarpe durante la pratica sportiva. I plantari infatti ammortizzano le sollecitazioni cui è sottoposto il ginocchio e rimettono in equilibrio la postura, consentendo in genere il ritorno alla pratica sportiva. In alcuni casi, più rari, è necessario invece ricorrere all’intervento chirurgico.

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita