Stai leggendo Caviglie scoperte e “risvoltini”, nessun problema alla circolazione

Cuore e sistema cardiovascolare

Caviglie scoperte e “risvoltini”, nessun problema alla circolazione

04/01/2019

I ragazzi e le ragazze che portano i “risvoltini” possono star tranquilli: con le caviglie scoperte, per via del freddo, non si corre alcun rischio per la circolazione del sangue. A rassicurare i più giovani, (più probabilmente i tanti genitori preoccupati per la salute dei loro cari), è la dottoressa Elisa Casabianca, chirurgo vascolare dell’ospedale Humanitas. Per correre un eventuale rischio di geloni «l’esposizione al freddo e a venti gelidi dev’essere prolungata e lo sbalzo di temperatura significativo», spiega al Corriere della Sera. «Se una persona non soffre di disturbi particolari di ordine circolatorio – aggiunge – può continuare a seguire la moda dei “risvoltini” senza alcun pericolo».

Quando possono comparire i geloni, invece? La dottoressa Casabianca ricorre all’esempio delle persone che vanno in montagna per sciare che «magari immergono i piedi in acqua bollente subito dopo essersi tolti gli scarponi. In quel caso possono comparire i geloni. Ma se un ragazzo con le caviglie scoperte passa poco tempo all’aperto e poi entra in un ambiente chiuso, più caldo, con i piedi nelle scarpe, non va incontro a tale rischio».

Articoli correlati

Freddo e circolazione arteriosa

«Il freddo provoca la costrizione delle piccole arterie periferiche di mani, piedi e gambe, riducendone l’apporto di sangue. Si tratta di un processo fisiologico per garantire invece l’afflusso di sangue negli apparati “centrali” dell’organismo. Ma se questo processo viene esasperato – sottolinea l’esperta – c’è il rischio di geloni, irritazioni cutanee che possono sorgere quando si passa improvvisamente dal freddo al caldo, cioè da una condizione di vasocostrizione arteriosa a una improvvisa vasodilatazione».

 

Qual è invece l’effetto del freddo sulla circolazione venosa?

«Per la circolazione venosa non ci sono rischi. Anzi, ad esempio il freddo è nemico dell’insufficienza venosa perché migliora il tono vasale e può dunque avere un effetto positivo», risponde la dottoressa sul Corriere della Sera.

In conclusione, solo un paio di consigli per chi sceglie di portare i “risvoltini” e lasciare le caviglie scoperte anche d’inverno: «Indossare calze lunghe per scongiurare il rischio di raffreddore ed evitare scarpe strette che determinano un’ulteriore riduzione del flusso sanguigno ai piedi», avverte la dottoressa Casabianca.

 

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita