Stai leggendo La menopausa precoce aumenta il rischio di infarto del miocardio

Magazine

La menopausa precoce aumenta il rischio di infarto del miocardio

20/09/2016

Le donne che vanno in menopausa prima dei 45 anni hanno una probabilità aumentata di essere colpite da infarto rispetto a donne che vanno in menopausa dopo i 50 anni. Lo dimostra uno studio pubblicato su Jama Cardiology.

Lo studio ha valutato oltre 300mila donne seguendole nel tempo: le donne con menopausa sopraggiunta prima dei 44 anni avevano una probabilità aumentata (+50%) di andare incontro a una malattia delle coronarie (angina, infarto, ischemia) e di essere colpite da un evento cardiovascolare grave e mortale (+19%) in confronto a donne con menopausa insorta dopo i 45 anni.

Non sono ancora completamente chiari i meccanismi che determinano questo fenomeno, ma una ipotesi accreditata correla i cambiamenti ormonali legati alla perdita dell’attività ovarica a un processo di infiammazione dell’endotelio (cellule che foderano l’interno delle pareti delle arterie e, se sane, mantengono il sangue liquido) con conseguente attivazione negativa del sistema immunitario e dei meccanismi della trombosi.

Per la salute del cuore attenzione allo stile di vita

«Le donne che vanno in menopausa troppo presto (menopausa precoce) sono più esposte all’aggressione da parte di malattie cardiovascolari come infarto, ictus cerebrale, trombosi delle arterie o delle vene, embolia, aterosclerosi, conosciute con il nome dell’organo che colpiscono ma causate da un meccanismo che le accomuna e che riconosce nella trombosi il momento culminante», commenta la dottoressa Lidia Rota, presidente di ALT-Associazione per la lotta alla trombosi e alle malattie cardivoascolari.

«Questa conferma permette di intervenire precocemente in termini di prevenzione inducendo le donne a prendere di petto i fattori di rischio e a eliminarli uno per uno: si può cominciare da quelli modificabili perché legati allo stile di vita, come il sovrappeso, l’inattività fisica, un’alimentazione troppo ricca di calorie, di grassi animali, di sale e povera di frutta e verdura, lo stress quotidiano. E si possono tenere sott’occhio con particolar attenzione alcuni marcatori precoci di rischio importanti, come la glicemia, la pressione arteriosa, il livello del colesterolo che in casi selezionati possono richiedere anche un intervento medico o farmacologico precoce».

(Per approfondire leggi qui: Trombosi? No grazie, almeno in 1 caso su 3)

Se il sangue coagula troppo velocemente possono formarsi trombi

«Ognuno di noi – continua la dottoressa – nasce con un sistema della coagulazione peculiare che dipende dai codici genetici trasmessi dai nostri genitori ma risente di situazioni transitorie che possono indurre il sangue a coagulare in modo disordinato ed eccessivo causando eventi cardio o cerebrovascolari».

«Il sangue dovrebbe coagulare solo quando deve e in modo controllato. Deve continuare a scorrere nelle arterie e nelle vene: se si ferma coagula. Deve venire a contatto solo con pareti interne delle arterie e delle vene (endotelio) intatte e non infiammate, altrimenti coagula. Deve scorrere in un sistema idraulico chiuso, costituito dal cuore che pompa il sangue nelle arterie, dalle arterie che arrivano fino alle cellule più lontane diventando sempre più piccole man mano si allontanano dal cuore, dai capillari, microscopici vasi che permettono alle cellule di assorbire dal sangue le sostanze nutritive e di scaricare nel sangue i prodotti di scarto, dalle vene che riportano il sangue al cuore perché si ripulisca nei polmoni e ricominci il proprio giro».

«Se il sangue viene a contatto con l’aria coagula: lo vediamo ogniqualvolta osserviamo il sanguinamento da un taglio. Se il sangue rallenta la sua corsa coagula; se viene a contatto con un tratto di vena o di arteria infiammata o ferita coagula. Perché il sangue coaguli in modo appropriato, non troppo e non troppo poco, coesistono due squadre di enzimi naturali: i pro coagulanti, che lo fanno coagulare, gli anticoagulanti che lo trattengono dal coagulare troppo. Ci deve essere equilibrio in termini quantitativi e qualitativi fra i pro e gli anticoagulanti».

«Se prevalgono i pro coagulanti, come accade in gravidanza, in pazienti con malattie infiammatorie o con un tumore, allettati o sottoposti a un intervento chirurgico, il sangue coagula troppo rapidamente e forma trombi (coaguli) che possono chiudono learterie provocando infarto del miocardio, ictus cerebrale o ischemia periferica, oppure le vene, causando trombosi venosa superficiale (flebite) o profonda».

(Per approfondire leggi qui: Trombosi, in gravidanza il rischio si moltiplica!)

Conoscere la storia dei consanguinei per definire il proprio rischio

«Quando frammenti di trombo si staccano e viaggiano nel sangue si chiamano emboli, arrivano in organi lontani dal punto in cui si sono formati causando embolia, evento molto grave che può essere mortale (embolia polmonare o cerebrale) o causare lesioni gravi come la necrosi di un organo o di un arto che porta all’amputazione».

«Conoscere l’assetto del sistema della coagulazione del sangue – spiega ancora la specialista – misurare i fattori pro anticoagulanti, conoscere la storia dei consanguinei e del paziente e i suoi specifici fattori di rischio permette di tracciare un profilo di rischio individuale, di correggere tempestivamente i fattori di rischio modificabili, di intervenire con opportune misure di protezione che possono essere simili ma non uguali per tutti».

(Per approfondire leggi qui: Pillola, perché il rischio trombosi è doppio)

«Apparteniamo tutti al genere umano, uomini e donne, e possiamo essere raggruppati in categorie per etnia, caratteristiche morfologiche, età, genere, precedenti eventi: ma all’interno di ogni categoria ognuno di noi è diverso, e questa peculiarità deve essere riconosciuta dal medico che ne terrà conto nella compilazione del profilo di rischio cardiovascolare e nella prescrizione dei provvedimenti necessari per rendere meno probabili malattie gravi come l’infarto, l’ictus, l’embolia, la trombosi delle vene e delle arterie, altamente probabili ma anche altamente prevenibili», conclude la dottoressa Rota.

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita