Stai leggendo Alcol, con il binge drinking giovani a rischio ipertensione

Magazine

Alcol, con il binge drinking giovani a rischio ipertensione

25/02/2016

Giovani a rischio ipertensione con il binge drinking. Bere tanti alcolici in poco tempo – questo il senso del binge drinking, letteralmente “abbuffata alcolica”: in media il consumo è di 9 drink ad occasione – può avere effetto sulla pressione arteriosa. È la conclusione di uno studio della University of Montreal (Canada) pubblicato su Journal of Adolescent Health.

I ricercatori hanno valutato la frequenza del binge drinking (bere almeno 5 bevande alcoliche in meno di due ore) in un gruppo di 756 ragazzi all’età di 20 anni e poi di nuovo a 24 anni e hanno associato questi valori al livello di pressione arteriosa a 24 anni. In altre parole hanno cercato di valutare l’impatto di questo consumo compulsivo di alcolici sia nell’immediato che nel medio periodo. L’85% dei ragazzi che a 20 anni beveva molto manteneva infatti quest’abitudine anche negli anni successivi.

(Per approfondire leggi qui: Elio e le Storie Tese: alcol e giovani, abitudine “snaturata”)

A 24 anni i valori di pressione arteriosa erano più alti nelle persone che bevevano secondo la moda del binge drinking almeno una volta al mese tanto a quell’età quanto a 20 anni. Ancora più alti i valori di chi invece si abbuffava di alcolici una volta a settimana.

Per la pressione alcol pericoloso come il sale

Incrociando i dati, dunque, i ricercatori concludono che il binge drinking può far aumentare le probabilità che i giovani adulti soffrano di ipertensione, uno dei noti fattori di rischio cardiovascolare. Più di 1 su 4 infatti era in uno stato di pre-ipertensione, dicono gli autori della ricerca, ovvero aveva un valore di pressione “massima” fra 120 e 139 mm di mercurio.

«Il consumo di alcol, anche occasionale ma a intensità molto alta, ha conseguenze su uno dei fattori di rischio cardiovascolare: l’ipertensione. L’effetto sembra protrarsi anche a distanza di anni da quando l’abitudine era messa in pratica e sembra non essere reversibile. Per questo motivo – spiega la dottoressa Maddalena Lettino, responsabile dell’Unità Operativa di Cardiologia dello Scompenso dell’ospedale Humanitas – aumentano le probabilità di sviluppare ipertensione nel corso degli anni».

(Per approfondire leggi qui: Ipertensione, prevenirla con latte, yogurt e latticini)

Il consumo di alcol è pericoloso come quello di sale, allora, per l’effetto che ha sulla pressione sanguigna? «Per un meccanismo biologico ancora ignoto l’alcol è in grado di far salire i valori della pressione arteriosa. Si tratta di un ulteriore effetto che il suo consumo ha sull’organismo, oltre a quelli noti sul sistema nervoso e sul fegato, ad esempio», conclude la dottoressa Lettino.

 

Un servizio per te

Vuoi approfondire e prenotare una visita con un cardiologo di Humanitas? Clicca qui

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita