Stai leggendo Ovuli congelati, il primato del Fertility Center di Humanitas

Gravidanza

Ovuli congelati, il primato del Fertility Center di Humanitas

24/10/2018

Si è svolto a luglio il 34° Meeting annuale dell’ESHRE (European Society for Human Reproduction and Embriology) di Barcellona con oltre 12 mila iscritti da ogni parte del mondo, discutendo 2 lavori selezionati per la loro rilevanza nel dibattito sul congelamento degli ovociti per motivi non medici. Parliamo di ‘social freezing’ o congelamento elettivo degli ovociti con il prof. Paolo Emanuele Levi-Setti, Direttore dell’Humanitas Fertility Center, che era presente al Convegno con alcuni collaboratori.

 

Quali sono le motivazioni più comuni?

La dottoressa Marcia Inhorn, antropologa dell’Università di Yale, ha presentato le conclusioni dello studio qualitativo sul congelamento elettivo degli ovociti; condotto su 150 soggetti provenienti da quattro cliniche IVF degli Stati Uniti e tre in Israele che sono stati intervistati, dopo aver completato almeno un ciclo di congelamento dei loro ovociti per motivi non medici e contrariamente al pensiero comune, le donne scelgono di congelare le loro uova non per motivi di studio o carriera, ma per ragioni per lo più legate alla mancanza di partnership stabili coinvolti in un progetto di matrimonio e genito. La letteratura medica e la copertura mediatica sulla crioconservazione degli ovociti di solito suggeriscono che il congelamento degli ovociti venga scelto per rinviare o ritardare la gravidanza in donne in carriera e mire di completare prolungati percorsi accademici, mentre i risultati dello studio suggeriscono che la motivazione principale sia invece la mancanza di un partner stabile. Le approfondite interviste con 150 donne che avevano scelto di congelare le loro uova presso le cliniche degli Stati Uniti (114 donne) e di Israele (36 donne) hanno rivelato dieci motivazioni principali che hanno portato le donne al congelamento degli ovociti. La maggior parte delle donne nello studio (85%) erano senza partner al momento del congelamento degli ovociti, riflettendo sei diverse circostanze di vita (essere single, divorziata o in corso di divorzio, aveva interrotto una relazione, lavorava all’estero, era una madre single per scelta o circostanza, e pianificazione della carriera). La scelta del congelamento elettivo degli ovociti per motivi di carriera era il meno comune di questi sei percorsi, anche fra le donne che lavoravano per aziende con coprivano con un’assicurazione i costi del congelamento.

 

Donne con partner: perché scelgono il social freezing?

Le donne con un partner al momento del congelamento (15%) affrontavano quattro diverse circostanze di vita: un uomo non pronto ad avere figli, un rapporto troppo nuovo o incerto, un partner che si rifiutava di avere figli, o un partner molteplici esperienze matrimoniali precedenti. La maggior parte delle donne aveva già completato i propri obiettivi educativi e di carriera, ma già oltre i 30 anni non aveva un rapporto duraturo con un partner stabile, che contemplasse la ricerca di una gravidanza. Con una sola eccezione di dover lavorare all’estero questo è il motivo principale che ha condotto al congelamento degli ovociti in queste donne, con poche diversità tra le donne americane e israeliane. L’autrice riconosceva che queste motivazioni potessero essere diverse in altri Paesi, ma una tale similitudine tra le due popolazioni, faceva supporre che questi dati potessero essere generalizzabili ad altri Paesi. Il congelamento elettivo degli ovociti ha avuto uno sviluppo tumultuoso in questi anni e la sua crescita è decollata dopo l’introduzione della vetrificazione, una tecnologia di congelamento rapido che riduce le cellule ad uno stato simile al vetro in pochi secondi e riduce i danni creati da metodiche precedenti di congelamento alla microstruttura dell’ovocita.

Articoli correlati

La mancanza di un partner è la priorità per le donne che fanno questa scelta

Pasquale Patrizio, co-ricercatore dello studio, a aggiunto che circa 5.000 cicli di congelamento degli ovociti sono stati eseguiti negli Stati Uniti nel 2013, ma che ne sono stimati 76.000 nel 2018. Con un aumento così rilevante delle donne che scelgono di congelare i loro ovociti, le strutture e gli specialisti coinvolti in questo lavoro devono sapere come la mancanza di un partner sia la vera priorità per le donne che fanno questa scelta e questa conoscenza deve coinvolgere anche la le aziende che offrono il congelamento al loro personale femminile come “un legittimo beneficio assicurativo”. Commenta ancora l’autrice che la carriera non è il motivo per cui la maggior parte delle donne decide di congelare gli ovociti, ma la speranza di trovare un partner, o decidere di diventare una madre single con sperma donatore, anche se questa metodica rimane accessibile a poche donne. “Ma le uova di congelamento tiene fuori la speranza per molti.” I risultati ottenibili tuttavia non sono ancora chiaramente definiti e Pasquale Patrizio suggerisce, da dati sinora disponibili, che in generale sembrerebbe consigliabile per le donne di età inferiore a 35 anni la criopreservazione di 10-12 ovociti, mentre per le donne oltre i 35anni circa 20 ovociti sarebbero necessari per ottenere una uova una ragionevole possibilità di gravidanza.

 

Scongelamento degli ovociti

Michel de Vos ha riportato l’esperienza Belga di 563 donne che hanno congelato i loro ovociti tra il gennaio 2009 e il novembre 2017 con un totale di 902 trattamenti. L’età media di coloro che hanno congelato i loro ovociti era di 36,5 anni con un numero medio di ovociti di 8,5, ma solo il 7,6% era tornata sinora per utilizzarle. La sopravvivenza degli ovociti allo scongelamento era stata del 73,4% dimostrando la buona efficienza della metodica e in 43 si era potuto procedere al trasferimento embrionario, ottenendo il 32,6% (14/43) di gravidanze. De Vos inoltre ha riportato come le donne che tornavano per lo scongelamento lo avevano fatto per aver trovato un partner stabile, sebbene non fosse definibile quante avrebbero ottenuto una gravidanza senza l’uso degli ovociti conservati, notato che la maggior parte dei congelatori sociali che hanno fatto ritorno aveva trovato un socio adatto per perseguire la maternità. Ma dai dati non è stato in grado di chiarire “se la loro decisione precedente di sottoporsi a crioconservazione ovocita ha migliorato la probabilità di un parto vivo”. De Vos ha sottolineato come le donne che hanno congelato i loro ovociti ad età media di 36 anni e sono tornate ad un’età media di 42 anni hanno avuto un 33% di probabilità di ottenere una gravidanza, ma nelle donne che hanno congelato oltre questa età i successi saranno sicuramente inferiori.

 

Il primato di Humanitas

‘Il congelamento degli ovuli è una grande possibilità che viene offerta alle pazienti oncologiche, prima di terapie che potrebbero compromettere per sempre la loro riserva ovarica e condurre ad una menopausa con costi totalmente a carico del sistema pubblico – ha commentato il professore -. Per le donne che devono posticipare la ricerca di una gravidanza è una piccola, ma concreta possibilità. I nostri dati concordano con quelli dei colleghi di altri Paesi e indicano nella mancanza del partner ‘giusto’ con cui avere un figlio, il motivo principale che induce a questa scelta. In Italia tuttavia la scarsa consapevolezza del tema età sulle probabilità di gravidanza è ancora enorme e sarebbe importante che questo potesse cambiare attraverso campagne di educazione riproduttiva sempre più diffuse. Il numero di donne che richiede un congelamento elettivo è inferiore a quanto avviene in altri Paesi, sebbene questa metodica sia stata sperimentata e validata proprio dai ricercatori Italiani. Humanitas è stata tra le prime strutture che hanno maturato esperienza in questo settore e hanno presentato dati che hanno convinto il mondo medico internazionale ad adottare questa metodica’.

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita