Stai leggendo Mal di primavera, come affrontarlo?

Benessere

Mal di primavera, come affrontarlo?

14/05/2018

Giornate in aumento, temperature più alte. La primavera porta spesso con sé tante interessanti novità ma anche stati d’ansia, nervosismo e insonnia. Tutti sintomi causati il più delle volte dal cambio di stagione. Come fare per affrontarli al meglio? Ne parliamo con la professoressa Daniela Lucini, responsabile di medicina dell’esercizio di Humanitas.

 

Male stagionale

È il cosiddetto mal di primavera e lo si riconosce dalla difficoltà di alzarsi la mattina perché si prova un’intensa stanchezza, accompagnata per contro dalla scarsa propensione ad addormentarsi subito la sera, nonostante l’astenia. Il tutto accompagnato da ansia e da cattivo umore che apparentemente non hanno una motivazione. Non è il caso di allarmarsi. La primavera tanto attesa porta spesso con sé questi sintomi passeggeri. In pochi giorni infatti ci si sentirà subito meglio.

Non appena corpo e ormoni si saranno riabituati alla luce il ritmo circadiano si autoregolerà nuovamente.

Articoli correlati

 

Un disturbo molto diffuso

Secondo un’indagine dell’Osservatorio Doxa-Aidepi a soffrire di “mal di primavera” sarebbero l’86% degli italiani. Circa 35 milioni di persone tra i 18 e i 70 anni di età, e in particolar modo le donne, con l’arrivo della bella stagione sono infatti colpite dalla medesima sintomatologia passeggera.

Il 64% degli italiani avvertirebbe un maggiore senso di stanchezza e spossatezza durante il cambio di stagione. Anche i disturbi legati al sonno sono molto comuni: il 38% degli intervistati, infatti, ha dichiarato problemi di insonnia. E ancora: l’influsso della primavera sembra colpire particolarmente i più giovani, quelli al di sotto dei 24 anni, che tendono a soffrire di più di irritabilità (40%) e malumore (37%), rispetto agli adulti, che lamentano gli stessi disturbi in percentuali minori (rispettivamente il 30% e il 32%). Anche gli stati d’ansia, riportati dal 21% degli intervistati, sembrano colpire di più durante l’arrivo della primavera che nel resto dell’anno.

 

Stare all’aria aperta aiuta ad abituarsi al nuovo clima

Poco meno della metà degli intervistati ha dichiarato di trascorrere più tempo all’aria aperta e di concedersi momenti di relax per far fronte al male stagionale. Il 37% cerca di “pensare positivo”, mentre il 28% trova utile dedicarsi all’attività sportiva.

“Non sono sintomi preoccupanti se non durano troppo a lungo – ha aggiunto la professoressa Lucini -. Se si soffre di “mal di stagione” il mio consiglio è quello di cercare di uscire dalle abitudini tipiche dell’inverno, iniziando a muoversi un po’, mangiando più frutta e verdura fresca e riducendo grassi e carboidrati”.

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita