Stai leggendo Delicato e senza schiuma, il detergente giusto per l’igiene intima

Bellezza

Delicato e senza schiuma, il detergente giusto per l’igiene intima

21/05/2015

Poche semplici mosse che è bene imparare sin da piccoli. Nell’igiene intima non contano solo le procedure, è importante anche la scelta del giusto detergente. Questo dal momento che le zone genitali sono tra le più delicate dell’intero corpo umano, con una loro specificità. «Sono costituite da cute normale, come altrove, e da un tessuto pseudo mucoso, cioè non proprio cute ma neanche mucosa», dice il professor Marcello Monti, responsabile di Dermatologia dell’Ospedale di Ricerca Humanitas.

«Il glande, il prepuzio e le labbra vaginali esterne – continua lo specialista – sono tessuti delicati, sottili, con uno strato corneo poco o per nulla presente, perciò è più facile che subiscano irritazioni per l’uso di detergenti più aggressivi. I tessuti sono più vulnerabili soprattutto nei bambini e nelle bambine fino a 5-6 anni: sono loro i più esposti a disturbi come le vaginiti o le balaniti».

Qual è dunque il detergente più adatto per l’igiene intima? «I detergenti giusti sono quelli meno aggressivi. Qui a Humanitas consigliamo e impieghiamo dei detergenti non schiumogeni che si adattano meglio al nostro corpo e sono più delicati. Inoltre in commercio esistono dei detergenti che non andrebbero assolutamente usati: quelli contenenti profumo e quelli con antisettici, cioè ad azione battericida. È importante proprio la flora batterica presente nelle parti intime che ci difende dall’assalto di microorganismi che causano infezioni. Chi usa questi prodotti è più esposto al rischio di dismicrobismo», spiega il professor Monti.

 

Fondamentale l’asciugatura per non aumentare l’umidità

Oltre che detergere e risciacquare c’è un’azione fondamentale ma molto spesso trascurata nell’igiene intima: l’asciugatura. «Molti la evitano perché il contatto con spugne e tessuti può essere fastidioso, ma è necessario asciugare le parti intime. Queste sono un ambiente umido e poco areato ed è importante che l’umidità non aumenti per evitare il rischio di irritazioni e di crescita batterica».

«I genitori devono insegnare ai più piccoli a detergersi bene ma anche ad asciugarsi a cominciare da tutte le volte vanno in bagno, perché le tracce di urina possono diventare ammoniaca, far salire il ph della pelle e causare irritazioni. E più attenzione va dedicata ai maschi, meno attenti delle femmine sull’igiene intima», conclude il professore. Se l’igiene intima è scarsa ecco comparire irritazioni, dermatiti, arrossamenti e infezioni. Se si usano prodotti non adeguati, come i normali saponi troppo alcalini per la pelle dei genitali, invece, può alterarsi il ph è i microorganismi patogeni possono proliferare.

 

Igiene, articoli correlati:

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita