Stai leggendo Acne, ecco il laser che “spegne” le ghiandole sebacee

Bellezza

Acne, ecco il laser che “spegne” le ghiandole sebacee

24/03/2015

Stop all’acne. L’Università della California di Santa Barbara ha messo a punto, in collaborazione con un’azienda statunitense, un nuovo trattamento che combina ultrasuoni, nano particelle di silice e oro, pari a un centesimo della larghezza di un capello, e laser e che indebolirebbe l’intensità e la frequenza delle eruzioni cutanee.

A dare notizia della novità è la rivista Journal of Controlled Release. Segno caratteristico dell’adolescenza, i brufoli si formano quando i follicoli vengono bloccati dal sebo, una sostanza oleosa secreta dalle ghiandole sebacee presenti sulla superficie cutanea che impermeabilizza e lubrifica la pelle. I problemi arrivano quando frammenti di peli, sporco e altre sostanze del sebo bloccano i pori, ovvero l’apertura dei follicoli, oppure quando c’è una sovrapproduzione di sebo. Indipendentemente dal motivo, accumulandosi il sebo, vengono trattenuti i batteri che causano infiammazioni e infezioni, ovvero l’acne.

Secondo uno dei ricercatori che hanno lavorato a questa terapia, il problema verrebbe risolto alla radice. Questo perché le basse frequenze degli ultrasuoni spingono attraverso i follicoli le nano particelle di silice rivestite d’oro nelle ghiandole sebacee. Colpite da un laser, queste particelle trasformano la luce in calore; una volta riscaldate, “spengono” le ghiandole sebacee iperattive ripristinando una secrezione regolare del sebo. Il processo non irrita né secca la superficie cutanea e, inoltre, non ha gli stessi effetti indesiderati dell’assunzione di antibiotici. La terapia è particolarmente indicata per i pazienti con forme di acne avanzate o difficili da trattare. Tuttavia, devono essere ulteriormente esaminati alcuni aspetti di lungo periodo.

 

Contro l’acne, meglio micropeeling e terapia fotodinamica

«Che l’acne sia un fastidio sempre meno tollerato dai giovani è una realtà, così come il tentativo di curarlo con metodi fisici e non farmacologici che va avanti da molti anni. Questa è sicuramente una tecnica interessante ma i ricercatori americani si dimenticano che l’acne non è un disturbo acuto da rimettere in ordine ma una patologia che dura anni, a volte più di dieci».  Così il professor Marcello Monti, responsabile del reparto di Dermatologia di Humanitas, che individua anche le possibili controindicazioni di questa nuova terapia. «Il ragionamento che dobbiamo fare è questo: è vero che se bombardiamo le ghiandole col calore le disattiviamo realizzando una buona azione anti-acne, ma è anche vero che questo poi ritorna e se continuiamo con i trattamenti termici, finiamo per dare seri danni alle strutture cutanee, non solo alle ghiandole sebacee».

Le alternative ci sono. «Questo problema – conclude lo specialista – ce lo siamo posto anche noi di Humanitas e abbiamo deciso di abbandonare i trattamenti termici per l’acne. Preferiamo utilizzare tecniche più soft come il micropeeling e la terapia fotodinamica. Anche noi non utilizziamo farmaci, ma con le nostre tecniche possiamo andare avanti a curare bene l’acne per tutta la sua durata senza indurre danno alla pelle o all’organismo».

 

Commento a cura del professor Marcello Monti

responsabile di Dermatologia in Humanitas 
e docente di Dermatologia all’Università di Milano.

 

Acne, articoli correlati

 

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita