Stai leggendo Milano Fashion Week, come essere di moda in salute?

Bellezza

Milano Fashion Week, come essere di moda in salute?

17/02/2014

Parte il countdown per la settimana della moda di Milano: in scena le collezioni dell’autunno-inverno 2014-2015. L’appuntamento è dal 19 al 24 febbraio con gli stilisti italiani più rappresentativi del made in Italy. In passerella le presentazioni più esclusive dei brand di accessori e abbigliamento. Ma saranno abiti in chiave green?

Parola alla stilista e ambasciatrice etica della moda in Italia, Marina Spadafora, direttore creativo della linea Auteurs du Monde di Altromercato.

Attenzione al green

«Al momento, sulle passerelle milanesi non ci sono collezioni 100% green. Da anni mi batto per promuovere prodotti sostenibili, realizzati con materiali biologici nel rispetto dei criteri ambientali. Tutto l’abbigliamento che noi indossiamo dovrebbe essere colorato con tinture libere da agenti chimici, le cosiddette “Azo free”. Spesso, invece, le grandi distribuzioni, utilizzano materiali cancerogeni per riuscire a tenere bassi i costi e aumentare i guadagni. Il consumatore dovrebbe essere più informato ed esigente, richiedendo ad esempio le “etichette parlanti” che dichiarino con onestà la provenienza dei prodotti e la loro composizione. Nei paesi scandinavi è quasi una prassi. Da noi purtroppo no».

Passerelle colorate

«Una delle tendenze di questa Settimana della Moda sarà sicuramente il colore, aspetto che ritengo molto importante per la grande influenza che ha sulla salute. Ne è un esempio la cromoterapia. Vestirsi di un colore piuttosto che di un altro può, infatti, influenzare l’umore ma anche la salute. Le Scuole steineriane, ad esempio, promuovono l’uso di colori pastello per le pareti delle stanze perché influenzerebbero positivamente sulla salute di chi vive all’interno».

Abbiamo chiesto anche il parere della dottoressa Lidia Rota, responsabile del Centro Trombosi di Humanitas e Presidente di ALT – Associazione per la Lotta alla Trombosi.

Cuore e moda, si può fare di più

«Basta digitare su Google le parole “cuore” e “moda” per rendersi conto di quanto si potrebbe fare con questa accoppiata. La moda, infatti, soprattutto in vista della “Milano fashion week” in cui tutti i riflettori sono puntati sulle passerelle, potrebbe essere un’importante occasione per sensibilizzare le donne sull’importanza della prevenzione delle malattie cardiovascolari, prima causa di morte anche in Italia, dove ogni anno 600mila persone vengono colpite da infarto, ictus, embolia: un numero spaventoso, che potrebbe ridursi di un terzo grazie alla prevenzione).

L’NIH (National Institute of Health) negli Stati Uniti ha lanciato un’iniziativa in grande stile su questo tema, chiamata “Red dress”, sostenuta anche da American Hearth Association, un colosso della prevenzione cardiovascolare attiva da molti decenni. A chi decide di condividere la campagna viene chiesto di indossare un abito o un golf o un qualunque indumento rosso oppure una spilla da acquistare per 2 dollari da MACY’s (una delle più grandi catene di distribuzione americane: i due dollari andranno interamente a sostegno di iniziative di prevenzione cardiovascolare) per sollecitare l’attenzione dei media e della popolazione sull’allarme rosso contro un male terribile ma anche evitabile: sarebbe magnifico se iniziative come questa potessero essere replicate con la medesima potenza di fuoco anche in Italia: potremmo salvare ogni anno almeno 200mila persone da malattie devastanti come infarto ictus cerebrale e trombosi».

Occhio agli abiti troppo attillati

Trombosi è un coagulo di sangue che si forma in un una vena o in un’arteria, in un punto e in un momento nel quale non si sarebbe dovuto formare: rallenta o blocca la circolazione del sangue e fa soffrire o morire le cellule che da quei vasi traevano nutrimento. La trombosi che si verifica nelle arterie coronarie causa l’infarto, se si forma nelle arterie cerebrali causa l’ictus, se si forma nelle vene delle gambe provoca trombosi venosa o tromboflebite.

Abiti o biancheria troppo stretti provocano un effetto elastico che rallenta o blocca la circolazione del sangue nelle vene: quando il sangue rallenta la sua corsa verso il cuore tende a coagulare più velocemente del normale, e a formare trombi, soprattutto quando sono contemporaneamente presenti altri fattori che sappiamo rappresentare un rischio per trombosi, quali fumo, sovrappeso, pillola contraccettiva, grasso soprattutto sull’addome, e  gravidanza in corso o recente. Evitare indumenti troppo stretti, come i jeans stretti dentro gli stivali, può ridurre la probabilità di andare incontro a una trombosi o a un’embolia polmonare. Semplice come bere un bicchier d’acqua (tre litri di acqua al giorno aiutano il sangue a rimanere più fluido)”.   

Per approfondimenti sull’argomento “abiti troppo attillati”, clicca qui.

Attenzione ai tacchi troppo alti

Il dottor Paolo Parenti, dell’Unità Operativa di Riabilitazione e Recupero Funzionale di Humanitas guidata dal dott. Stefano Respizzi suggerisce di fare attenzione ai tacchi alti perché fanno in modo che tutto il peso corporeo si sposti in avanti sbilanciando la funzione stabilizzante del piede nella ripartizione del peso.

Il peso, infatti, va a posizionarsi su un’area più piccola rispetto alla pianta completa e i piedi tendono ad assumere una posizione ruotata verso l’interno che, fra l’altro, favorisce la distorsione della caviglia durante la camminata. A ogni passo, inoltre, il cuscinetto posto sotto il tallone dovrebbe assorbire l’urto con il terreno, ma, se si portano i tacchi alti, questo non avviene con conseguente indolenzimento delle ginocchia, ma, soprattutto, di schiena e collo. In particolare sono decisamente frequenti le sofferenze della colonna vertebrale (addirittura alcuni tipi di cefalea) provocate dalle calzature scomode.

Per approfondimenti sull’argomento “Tacchi alti e salute”, clicca qui.

Tessuti e accessori che provocano allergie

Il professor Marcello Monti, responsabile di Dermatologia all’Istituto Clinico Humanitas e docente di Dermatologia all’Università di Milano, invita a fare attenzione all’uso di accessori fashion, spesso causa di irritazioni o allergie. I nemici nascosti si chiamano nichel solfato e cobalto cloruro. Il primo si nasconde nei metalli da bigiotteria e il secondo nel pellame degli accessori.

Queste due sostanze sono forti allergizzanti e provocano la cosiddetta “dermatite allergica” con prurito, vescicole e gonfiore. Per evitare l’allergia al nichel l’unico modo è utilizzare solo oggetti d’oro, argento, platino e metalli che non allergizzano. Per l’allergia al cobalto, invece, occorre evitare il cuoio e sostituirlo con oggetti in tessuto o gomma.

Per approfondimenti sull’argomento “Allergie provocate da tessuti e accessori fashion”, clicca qui.

A cura di Simona Camarda

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita