Orecchio, naso e gola

Tonsillite virale, batterica, acuta e cronica: quali differenze?

04/01/2021

La tonsillite è l’infiammazione delle tonsille, organi linfatici che si trovano a livello del palato. Particolarmente frequenti nei bambini, possono essere di tipo diverso e nascondere cause differenti. 

Ne parliamo con il dottor Federico Leone, otorinolaringoiatra di Humanitas San Pio X.

Cosa sono le tonsille?

Le tonsille sono organi linfatici situati alla base della lingua e del rinofaringe, all’altezza del palato. Hanno il compito di proteggere le vie respiratorie dalle infezioni virali o batteriche, tipiche della prima infanzia, quando le difese immunitarie sono meno forti. Con la crescita, la funzione viene meno e le tonsille si atrofizzano negli adulti: “Per questo motivo, la tonsillite è di gran lunga più frequente nei bambini che negli adulti”, spiega il dottor Leone.

Tonsille infiammate, fondamentale consultare la specialista

La visita specialistica otorinolaringoiatrica è molto importante perché, a seconda del tipo di tonsillite, si potrà iniziare la terapia o il trattamento più adeguato.

Quando le tonsille sono infiammate dunque è importante capire le cause e la natura dell’infiammazione, se acuta o cronica. 

Tonsillite batterica, virale, acuta o cronica

Le tonsilliti sono causate, molto spesso, da un’infezione da virus, come ad esempio virus dell’influenza o della mononucleosi, enterovirus o adenovirus, ma possono anche essere di origine batterica, in genere da Streptococco.

La differenza tra tonsillite acuta o cronica è legata ai sintomi e alla loro durata e non alla causa dell’infiammazione.

La tonsillite acuta è caratterizzata da dolore (riferito come mal di gola) concentrato nella zona tonsillare e della faringe, febbre alta, difficoltà a deglutire, malessere e stanchezza generale. Se adeguatamente trattata, in genere si risolve in pochi giorni.

La tonsillite cronica può derivare da una tonsillite acuta; si manifesta con dolore lieve o severo alla gola, bruciore e fastidio alla deglutizione, febbre bassa e persistente, malessere e stanchezza generale. In genere può durare più giorni. 

I trattamenti della tonsillite

Dopo la visita specialistica otorinolaringoiatrica, l’esperto valuterà il trattamento più appropriato: non sempre la tonsillectomia, ovvero l’intervento chirurgico di rimozione delle tonsille, è la scelta più indicata.

“Talvolta, può essere richiesto un prelievo di sangue con cui rilevare la presenza dell’infezione con specifici indici infiammatori. In base all’esame clinico e ai sintomi rilevati possono essere prescritti antibiotici, se la natura dell’infiammazione è batterica, oppure solo farmaci per ridurre la febbre (antipiretici) e il dolore (antidolorifici). In caso di tonsilliti ricorrenti potrà essere effettuata, in prima battuta, una terapia con immunostimolanti per ridurre gli episodi”, conclude il dottor Leone. 

 

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita