Stai leggendo Ipertiroidismo: cause e sintomi

Endocrinologia

Ipertiroidismo: cause e sintomi

24/11/2020

Quando la tiroide lavora eccessivamente si parla di ipertiroidismo, una patologia che si manifesta in presenza di livelli superiori alla norma di ormoni prodotti dalla tiroide, una ghiandola endocrina che si trova alla base del collo. 

Abbiamo parlato delle possibili cause e dei sintomi di questa patologia con la dottoressa Nazarena Betella dell’Unità di Endocrinologia, Andrologia e Diabetologia di Humanitas.

Quali sono le cause dell’ipertiroidismo?

L’ipertiroidismo è una patologia che insorge più frequentemente nelle donne. Le cause possono essere diverse e tra queste ci sono il morbo di Graves, una malattia autoimmune, i noduli tiroidei e le tiroiditi (infiammazioni favoriscono il rilascio di ormoni tiroidei immagazzinati nella tiroide).

Quali sono i sintomi dell’ipertiroidismo?

L’eccesso di ormoni tiroidei può manifestarsi con improvvisa perdita di peso, battito cardiaco accelerato, sudorazione eccessiva e nervosismo. Tra i sintomi che si possono manifestare ci sono anche aumento dell’appetito, intolleranza al caldo, tremori, eccessiva stanchezza, debolezza muscolare e irregolarità del ciclo mestruale nelle donne. In alcuni casi particolari l’eccesso di ormoni tiroidei si accompagna a febbre e dolore al collo. 

Nel caso in cui l’ipertiroidismo sia causato dal morbo di Graves può associarsi l’oftalmopatia, una complicanza che esordisce con infiammazione e sporgenza del bulbo oculare.

Ipertiroidismo e alimentazione

I pazienti che soffrono di ipertiroidismo dovrebbero prestare attenzione alla dieta, limitando in particolare l’assunzione di alimenti contenenti iodio (es. sale iodato, alghe, crostacei e frutti di mare), che potrebbero peggiorare la patologia tiroidea. 

Oltre agli alimenti, lo iodio può essere presente in alcuni integratori, farmaci o prodotti cosmetici. Per queste ragioni è importante per i pazienti che soffrono di ipertiroidismo consultare il medico prima di assumere altri farmaci o integratori. 

Inoltre, è importante per chi soffre di ipertiroidismo, correggere eventuali carenze di calcio e vitamina D, poiché la disfunzione tiroidea con il tempo può peggiorare la qualità dell’ossa fino a causare osteopenia o osteoporosi. 

La diagnosi di ipertiroidismo

Nel sospetto di ipertiroidismo è necessario eseguire degli esami diagnostici di primo livello ovvero esami di laboratorio di funzionalità tiroidea, dosaggio di autoanticorpi specifici per il morbo di Basedow ed ecografia tiroidea. In caso selezionati può essere di aiuto per la diagnosi la scintigrafia tiroidea.

Come si cura l’ipertiroidismo

Se curato adeguatamente l’ipertiroidismo è una patologia con cui si può convivere senza un peggioramento della qualità della vita. Data la natura di questa patologia non esistono modalità per prevenire l’insorgenza. 

Sulla base della causa, dell’età del paziente e della severità dei sintomi con cui l’ipertiroidismo può manifestarsi, lo specialista endocrinologo imposterà la terapia specifica che potrà essere farmacologica, chirurgica o con radioiodio.

 

 

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita