Benessere

Gambe gonfie e piedi gonfi, come rimediare?

29/07/2013

Chiamiamolo un effetto collaterale del caldo quel gonfiore che spesso coinvolge piedi e gambe e, di notte, provoca anche fastidiosi crampi, colpendo soprattutto persone affette da insufficienza venosa, più o meno rilevante. Ma spesso le gambe gonfie sono anche un problema che si associa ai lunghi viaggi, in aereo o in auto, dove si è costretti a tenere le gambe ferme e in posizione rannicchiata per diverse ore.

Disturbi che però si possono controllare come spiega il dottor Marco Setti, responsabile Chirurgia Vascolare di Humanitas Gavazzeni a Bergamo.

Esistono dei comportamenti da assumere per evitare che le nostre gambe o i nostri piedi si gonfino quando le temperature sono troppo alte?

Direi di sì. Si tratta infatti di disturbi che possono essere controllati innanzitutto seguendo alcuni semplici regole: evitare la sedentarietà, mangiare in modo sano, bere molto (1 litro e mezzo o 2 al giorno di acqua).
L’errore che purtroppo fa maggior parte delle persone che soffre di pesantezza e gonfiore degli arti inferiori è proprio quello di ridurre l’apporto di liquidi.

Se però il gonfiore non passa, cosa possiamo fare?

Se la situazione non migliora, allora è consigliabile anche assumere, su indicazione medica, farmaci flebotonici che aiutano a migliorare la circolazione venosa (sfruttando i principi attivi dei bioflavonoidi, della vite rossa e della centella asiatica).
A questi farmaci possono poi essere associate delle creme, che hanno però una minor efficacia, contenenti flebo tonici ed eparinoidi per ridurre il “calore” che si manifesta soprattutto ai polpacci.

Ma quando abbiamo le gambe gonfie possiamo esporci al sole?

No se sono in atto infiammazioni di tipo flebitico, altrimenti ci si può esporre al sole con  moderazione. Se siamo al mare, il consiglio è di camminare in acqua o nuotare, dato che sono attività che attivano una sorta di “idromassaggio” naturale molto salutare.

Dicevamo anche degli effetti collaterali negativi sui nostri arti inferiori quando viaggiamo per molte ore.

Quando le nostre gambe sono costrette in spazi ridotti o a posizioni rannicchiate, sarebbe opportuno indossare per la durata del viaggio calze elastiche riposanti (70 denari) che possono essere di aiuto per la circolazione venosa; per chi ha invece familiarità di episodi trombo flebitici, meglio chiedere un consiglio allo specialista per evitare che possano svilupparsi complicanze flebitiche e/o trombo-emboliche.

 

 

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita