Alimenti

Funghi

12/03/2020

Funghi

 

Che cosa sono i funghi?

Sono organismi che appartengono al regno dei Mycetae. Ne esistono moltissime varietà, ma non tutte sono commestibili. Quelli presenti sul mercato subiscono un controllo preventivo da parte degli ispettorati micologici delle ASL: possono pertanto essere consumati in tutta sicurezza. È consigliabile invece non improvvisarsi raccoglitori di funghi, ma – anche qualora li si conosca – è opportuno sottoporre i funghi raccolti a un ispettore micologo della ASL di zona.

 

Quali sono le proprietà nutrizionali?

In base alla specie che viene presa in considerazione i funghi apportano dosi diverse dei tre macronutrienti. Ad esempio:

 

Funghi porcini crudi (Boletus edulis).

100 grammi apportano 26 calorie così ripartite:

61% proteine

14% carboidrati

25% grassi

 

Funghi coltivati prataioli crudi (Agaricus campestris).

100 grammi apportano 20 calorie così ripartite:

76% proteine

15% carboidrati

9% grassi

Funghi coltivati pleurotes crudi (Pleurotes ostreatus).

100 grammi apportano 28 calorie così ripartite:

59% carboidrati

31% proteine

10% grassi

 

Fra i micronutrienti, i funghi sono fonte di:

potassio

fosforo

calcio

magnesio

silicio

ferro

manganese

selenio

vitamina A

vitamina B1

vitamina B2

vitamina B6

vitamina C

vitamina D

vitamina K

vitamina PP

 

Sono inoltre fonti di fibre e di grassi essenziali.

 

Quando non mangiare i funghi?

Non risultano esservi interazioni tra il consumo di funghi commestibili e l’assunzione di medicinali o altre sostanze.

 

Stagionalità dei funghi

Sono reperibili sul mercato tutto l’anno, anche grazie alle numerose varietà disponibili.

 

Possibili benefici e controindicazioni

Favoriscono il benessere intestinale apportando fibre. Sono anche una fonte di proteine dall’alto valore biologico e di acido linoleico, che è un grasso essenziale precursore di molecole coinvolte nella regolazione dell’immunità, della pressione del sangue, dell’infiammazione e dell’aggregazione delle piastrine. Fra i loro minerali, alcuni svolgono una funzione antiossidante (manganese e selenio), altri proteggono la salute di denti ed ossa (fosforo e calcio), altri ancora contribuiscono a proteggere la salute cardiovascolare (il potassio, che regola la pressione e la frequenza cardiaca). Alla loro azione si aggiunge quella delle vitamine: le vitamine A e C esercitano un’azione antiossidante, la vitamina D è fondamentale per la salute delle ossa e la vitamina K è importante per una buona coagulazione. Le vitamine del gruppo B garantiscono infine il buon funzionamento del metabolismo.

La loro digestione può risultare difficoltosa a causa della presenza di micosina.

Se a seguito del consumo di funghi non controllati si presentano sintomi come diarrea, nausea o vomito è fondamentale recarsi al più presto in Pronto soccorso.

 

Disclaimer

Le informazioni riportate in quest’articolo rappresentano delle indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione equilibrata e sana è sempre opportuno affidarsi ai consigli del proprio curante o di un esperto di nutrizione.

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita