Stai leggendo Tumore del colon-retto: sempre più ventenni si ammalano

Tumori

Tumore del colon-retto: sempre più ventenni si ammalano

25/07/2019

Si abbassa sempre di più e in maniera preoccupante l’età media dei pazienti che si ammalano di tumore del colon-retto. Pur restando una malattia non frequente fra i giovani, due recenti studi scientifici hanno segnalato un forte aumento nell’incidenza di questa patologia fra i ventenni. Il primo lavoro è stato pubblicato sulla rivista Gut e condotto dai ricercatori dell’Università Erasmus MC di Rotterdam, che hanno analizzato la tendenza in 20 Paesi europei, utilizzando dati provenienti da oltre 143 milioni di persone, di cui 188.000 hanno sviluppato questa forma di tumore.

Il secondo studio invece è stato portato avanti dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro di Lione e pubblicato su Lancet Gastroenterology & Hepatology. Anche quest’ultimo ha confermato la tendenza ad ammalarsi maggiormente tra i giovani adulti nei paesi ad alto reddito. Ne abbiamo parlato con la dottoressa Lorenza Rimassa, responsabile della sezione tumori dell’apparato gastroenterico di Humanitas.

 

L’aumento di casi fra il 2004 e il 2016

Le statistiche parlano di un aumento dei casi di cancro del colon-retto tra il 2004 e il 2016 fra le persone giovani: l’8% infatti aveva fra 20 a 29 anni quando si è ammalata, per un’incidenza che ha visto un incremento che va dal +0,8% a 2,3% di casi in più. Fra persone fra i 30 e 40 anni, l’aumento è stato invece del 5%. Una tendenza che, se dovesse continuare, porrebbe i medici e le società scientifiche di fronte alla necessità di riconsiderare le linee guida e gli screening che ad oggi vengono in genere proposti dai 50 anni in su.

Articoli correlati

Lo studio pubblicato su Lancet Gastroenterology & Hepatology

Lo studio pubblicato su Lancet Gastroenterology & Hepatology ha rilevato un aumento dell’1,8% nei casi di tumore del colon e dell’1,4% nei casi di tumore del retto in persone sotto i 50 anni tra il 1995 e il 2014. Secondo gli autori del lavoro “questi risultati evidenziano la necessità di agire per sensibilizzare la popolazione, considerando anche che elementi come l’obesità e il tipo di alimentazione potrebbero avere un ruolo”. In attesa di ulteriori studi sulle cause, gli esperti invitano i medici a non ignorare, nei giovani, i sintomi di questa neoplasia: evacuazioni più o meno frequenti del solito, sangue nelle feci, persistente dolore addominale, perdita immotivata di peso non devono essere sottovalutati e devono portare ad accertamenti più approfonditi.

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita