Stai leggendo Spondilite e mal di schiena, lo sai che l’attività fisica riduce la progressione della malattia?

Ortopedia

Spondilite e mal di schiena, lo sai che l’attività fisica riduce la progressione della malattia?

29/06/2018

L’attività fisica è sempre consigliata in caso di mal di schiena, specie se invalidante come il caso della spondilite anchilosante  – spiega la dottoressa Lara Castagnetti, osteopata e specialista in Medicina Fisica e Riabilitativa di Humanitas –. Tuttavia, un’attività fisica regolare ed esercizi specifici per la colonna, nel caso di questa patologia infiammatoria del rachide che colpisce prevalentemente i giovani maschi di età compresa tra 20 e 40 anni, e provoca alterazioni della colonna fino a “fondersi” in una struttura unica, deve essere raccomandata e consigliata. Come dimostrano le evidenze scientifiche pubblicate, un’attività fisica regolare a intensità moderata, adattata al grado della malattia, iniziale o avanzata, dovrebbe essere svolta per circa 2-4 ore a settimana. Svolgere attività fisica per almeno 200 minuti alla settimana, associati a 5 giorni alla settimana di esercizi per il rachide, contribuiscono a ridurre il dolore, migliorare la funzione del rachide, e ridurre anche la velocità di progressione della disabilità fino a 5 anni. Inoltre, la spondilite, definita anche la malattia del “l’uomo che non può guardare il cielo”, non colpisce solo la colonna ma provoca anche diminuzione della funzione polmonare, aumentato rischio di patologie cardiovascolari e infarto miocardico, oltre a osteoporosi, rischio di fratture vertebrali, alterazioni dell’equilibrio e dei meccanismi di difesa da cadute o eventi improvvisi. Pertanto, all’attività fisica va inserita all’interno di un approccio multidisciplinare che insieme a un programma riabilitativo bilanciato come stretching, rinforzo muscolare, adeguato fitness cardiorespiratorio, tiene conto anche della terapia con farmaci biologici, dal momento che la spondilite anchilosante rientra in una famiglia più ampia di malattie infiammatorie croniche chiamate spondiloartriti che include anche i casi associati a psoriasi o a malattie infiammatorie croniche dell’intestino.

Articoli correlati

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita