Stai leggendo Crampi notturni, e se fosse carenza di potassio?

Alimentazione

Crampi notturni, e se fosse carenza di potassio?

23/08/2017

Un fastidio che può diventare un tormento e ostacolare il sonno. Sono i crampi muscolari notturni, di cui molte persone, spesso donne hanno fatto esperienza nella loro vita. Prima che il disagio sia tale da interferire con il riposo notturno è possibile seguire qualche piccolo accorgimento e far fronte a questo disturbo «ma per cercare di risolverlo è necessario risalire alla causa e una potrebbe essere la carenza di potassio», ricorda la professoressa Daniela Lucini, responsabile della Sezione di Medicina dell’Esercizio di Humanitas.

I crampi notturni interessano le gambe e in particolare i muscoli dei polpacci. Sono contrazioni muscolari involontarie anche dolorose. In alcune condizioni il rischio di dover fare i conti con questo disturbo è maggiore, ad esempio in gravidanza. Ma tra i fattori di rischio non modificabili c’è anche l’età: più è avanzata, più questo rischio aumenta.

(Per approfondire leggi qui: “Malattia delle arterie, camminare allevia il dolore alle gambe”, vero o falso?)

I rimedi per limitare i disagi ci sono, «dai massaggi ai bagni caldi dall’attività fisica per mantenere una buona funzionalità muscolare agli esercizi di stretching con cui flettere i piedi verso il corpo. Ma si tratta solo di interventi sintomatici. Quello che conta è individuare la causa di questi crampi muscolari», sottolinea la specialista.

Frutta e pesce per il potassio

«I crampi muscolari possono essere dovuti, ad esempio, all’ipopotassiemia, ovvero la carenza di potassio nel sangue. Il deficit di questo prezioso minerale può essere causato da disturbi gastrointestinali o può sorgere come effetto collaterale di una terapia farmacologica o da una ridotta assunzione o altre cause. Per questo motivo bisogna rivolgersi al medico e fare gli esami necessari per misurare i livelli di potassio».

Il potassio è contenuto in tanti alimenti – oltre alle classiche banane, anche nelle patate, nelle albicocche, nei kiwi e nel pesce come il salmone, per esempio. Ma in caso di carenza il potassio che serve non potrà essere assunto solo con la dieta: «L’alimentazione può contribuire a colmare il deficit ma servirà assumere degli integratori, anche diversi dai prodotti da banco e con un dosaggio definito dal medico», conclude la professoressa Lucini.

(Per approfondire leggi qui: Muscoli e cuore, tutti i benefici del potassio)

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita