Stai leggendo La salute cardiovascolare al Parlamento Europeo

Magazine

La salute cardiovascolare al Parlamento Europeo

07/11/2013

 È iniziata il 4 novembre la prima settimana di salute del cuore presso il Parlamento Europeo a Bruxelles, che continuerà fino all’8 novembre, organizzata dalla squadra dei Parlamentari del cuore, con il patrocinio del Parlamento europeo, di ESC-Società Europea di Cardiologia e di EHN-European Heart Network, nel quale ALT-Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari-Onlus rappresenta l’Italia.

 

La settimana della salute del cuore

Medici e scienziati incontreranno i Parlamentari del Cuore per affrontare gli aspetti della prevenzione delle malattie cardiovascolari e proporre e concordare priorità e soluzioni: sono previste sessioni di manovre di rianimazione cardiopolmonare e di attività fisica per coinvolgere i parlamentari nel misurare il proprio stato di salute, la pressione del sangue, il livello di colesterolo, menù della salute nei ristoranti del Parlamento e la compilazione di un questionario che, allineando i fattori di rischio legati alle proprie caratteristiche e abitudini, permetteranno a ognuno di calcolare il rischio di andare incontro a un evento cardiovascolare nell’arco di dieci anni. Verranno inoltre dati consigli per ridurre questo rischio attraverso cambiamenti nello stile di vita. 

Steppan Josephson, Presidente di EHN, dichiara: «Vogliamo sollecitare i parlamentari a capire che c’è molto che possono e devono fare per salvare non solo la propria salute ma anche quella di milioni di cittadini europei: ogni anno quasi due milioni di europei muoiono prematuramente per malattie cardiovascolari, ma molti potrebbero essere salvati se venissero motivati a cambiare uno stile di vita inadeguato. Le leggi sulla proibizione del fumo nei luoghi pubblici (in Italia in vigore da tempo grazie alla determinazione del professor Girolamo Sirchia, ex Ministro della Salute) e una migliore accessibilità a cibi sani sono due obiettivi prioritari per i quali mi sono personalmente impegnato. In vista delle prossime elezioni europee che si terranno nel maggio 2014 i Parlamentari del Cuore lanceranno una piattaforma mirata alla prevenzione cardiovascolare e s’impegneranno a sostenere questa priorità ogniqualvolta dovranno esprimere un voto su una legge che potrebbe contribuire a proteggerla». 

Linda McAvan e Antonyia Parvanova, Presidenti del gruppo dei Parlamentari del Cuore hanno dichiarato: «Le malattie cardiovascolari sono il killer numero uno in Europa: e tuttavia non esiste un piano legislativo specifico per combatterle: è indispensabile che il Parlamento Europeo provveda al più presto a questa grave mancanza, adottando ufficialmente un piano strategico che contribuisca a ridurre il numero delle persone colpite da morte prematura o disabilità, con enormi ricadute sulla famiglia e sulla società intera». 

 

ALT, una battaglia che dura dal 1987

ALT si batte dall’anno della sua fondazione nel 1987 per prevenire ictus, infarto, embolia e tutte le malattie cardiovascolari in Italia, la maggior parte delle quali riconosce nella trombosi il meccanismo scatenante. La presidente, di ALT,  Lidia Rota dichiara: «Molti sforzi sono stati fatti, grazie al sostegno di chi crede nella nostra mission, della squadra che lavora per ALT, di chi ci sostiene: ma non basta. Salvare 200.000 persone ogni anno in Italia è una missione difficile, ma non impossibile. Al nostro fianco abbiamo chi ci ascolta e ci sostiene, i media che amplificano i nostri messaggi, le aziende che hanno adottato progetti di sensibilizzazione alla salute, i pazienti e le loro famiglie che sanno bene che cosa vuol dire essere colpiti». 

 

Ictus nei giovani adulti, una ricerca promossa da ALT

In occasione della 44esima edizione del Congresso Nazionale della Societa di Neurologia Sin in corso a Milano, il 4 novembre è stato presentato il progetto di ricerca italiano sull’ictus nei giovani adulti (progetto IPSYS), studio finanziato da ALT.

«YPSIS – ha detto Alessandro Pezzini, ricercatore in Neurologia presso l’Università degli Studi di Brescia – comprende il più ampio numero di pazienti colpiti  da primo ictus tra i 18 e i 45 anni. Ha l’obiettivo di identificare i fattori che aumentano il rischio di nuovi eventi trombotici successivamente a un primo ictus ischemico. I più pericolosi: familiarità, emicrania con aura, presenza di anomalie nella coagulazione. Da non sottovalutare ipertensione arteriosa, diabete, fumo, colesterolo alto».

 

Per restare in salute tutto l’anno, l’Agenda del Cuore di ALT-Onlus

Ogni settimana un consiglio, ogni mese una scheda che dà i “numeri” da raggiungere per mantenere la salute, e 15 ricette intelligenti che lo chef Mattia Poggi vi propone, perché mangiar sano vuol dire anche mangiar bene e con gusto, e senza sensi di colpa. Un’agenda di stile, un’agenda intelligente, un’agenda per amica: è l’Agenda del Cuore di ALT-Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari- Onlus, associazione privata, indipendente e senza fini di lucro, che si batte per sconfiggere le malattie da Trombosi.

Un’Agenda per sapere che: “Investire oggi in prevenzione è urgente e indispensabile e inevitabile, per ottenere vantaggi a breve, medio e lungo termine: significa vite salvate, risparmio sui costi per la società, per il paziente e per la sua famiglia, mantenimento della produttività con impatto positivo sul Pil, risparmio per le famiglie, e, non ultimo, la salvaguardia di quel capitale invisibile che ognuno di noi rappresenta in termini affettivi, culturali e psicologici per il proprio nucleo famigliare e per la società intera – spiega Lidia Rota, presidente di ALT, nella prefazione all’edizione 2013 dell’Agenda del cuore.

L’Agenda può essere richiesta via mail: alt@trombosi.org oppure per telefono al numero 02.58325028.

 

 

 

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita