Stai leggendo Humanitas Lecture: focus sulla chirurgia del trauma

Magazine

Humanitas Lecture: focus sulla chirurgia del trauma

10/02/2006

Lo stato dell’arte della Chirurgia del Trauma, con particolare riferimento al trattamento dei pazienti gravemente emorragici, è il tema della lettura magistrale tenuta giovedì 23 febbraio in Humanitas dal prof. Thomas M. Scalea, direttore del R. Adams Cowley Shock Trauma Center di Baltimora (University of Maryland School of Medicine). Coordinatori dell’incontro il prof. Riccardo Rosati, responsabile dell’Unità Operativa di Chirurgia Generale e Mini-Invasiva di Humanitas, e il dott. Mauro Zago.

“L’emorragia critica – spiega il dott. Zago – rappresenta uno degli eventi più drammatici e complessi nella gestione del paziente politraumatizzato. Di fronte a questa situazione è necessario integrare in pochi minuti i dati clinici con le competenze polispecialistiche coinvolte, per assumere la migliore decisione possibile per il paziente. La ‘damage control surgery’, i trattamenti conservativi, l’impiego di tecniche angioradiologiche, l’uso di nuovi farmaci emostatici sono solo alcuni degli strumenti da conoscere e utilizzare nei tempi e modi più appropriati.
In questo incontro scientifico il prof. Scalea, chirurgo, illustra la filosofia del trattamento del paziente con emorragia critica e i risultati delle ricerche più recenti.
Lo Shock Trauma Center di Baltimora, di cui Scalea è responsabile, tratta oltre 7.000 pazienti ogni anno, la maggior parte dei quali politraumatizzati. Secondo molti autori, lo staff diretto dal prof. Scalea è in grado di garantire per questa tipologia di pazienti uno standard di trattamento medico tra i migliori al mondo”.

Alla lettura è seguita una sessione interattiva su alcuni casi clinici giunti all’osservazione presso il Centro d’Emergenza ad Alta Specializzazione dell’Istituto Clinico Humanitas. La discussione ha coinvolto chirurghi, radiologi, traumatologi, rianimatori, neurochirurghi. Il dott. Osvaldo Chiara dell’Ospedale Niguarda di Milano ha presentato inoltre i dati di uno studio multicentrico europeo sull’utilizzo del fattore VII ricombinante.

L’incontro si inserisce nell’ambito delle Humanitas Lecture promosse dalla Direzione Scientifica di Humanitas. Avvalendosi del contributo di medici e ricercatori che hanno avuto un ruolo fondamentale nei rispettivi settori di competenza, le Humanitas Lecture rappresentano un momento di messa a punto e di riflessione sullo sviluppo e l’evoluzione della medicina e della ricerca biomedica al servizio della salute dell’uomo.

Di Monica Florianello

Nella foto, da sinistra: Mauro Zago, Thomas M. Scalea e Hayato Kurihara

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita