Stai leggendo Come tornare in forma dopo le feste? Bastano 30 secondi

Sport

Come tornare in forma dopo le feste? Bastano 30 secondi

09/01/2013

Uno studio pubblicato sul Journal of Clinical Psychology afferma che uno sforzo intenso e veloce sarebbe efficace per perdere peso. Ma funziona davvero? Ed è alla portata di tutti? La parola alla prof.ssa Daniela Lucini.

Non serve più dedicare ore e ore alla palestra per eliminare i chili di troppo accumulati dagli stravizi delle feste? Uno studio pubblicato sul Journal of Clinical Psychology afferma, infatti, che uno sforzo limitato, ma intenso e veloce, darebbe risultati ben più efficaci dell’esercizio “convenzionale”. Il nuovo regime di fitness veloce prevede 30 secondi di sprint (anticipati da un breve riscaldamento), da ripetere per tre volte al giorno con pause di meno di 5 minuti tra una ripetizione e l’altra, per almeno due volte a settimana. E, associato a una dieta equilibrata, si ottiene il risultato.

Parola degli esperti delle università inglesi di Nottingham, Birmingham e Bath, che hanno testato il metodo su 300 volontari. Sembra così facile da non sembrare vero. Ma funziona davvero? Ed è alla portata di tutti? Lo chiediamo a Daniela Lucini, professore associato all’Università degli Studi di Milano, Responsabile della Sezione di Medicina dell’esercizio e patologie funzionali in Humanitas e autrice del volume “Super Stress, una guida pratica per superare la crisi senza rovinarsi la salute” (Rizzoli editore).

 

Professoressa Lucini, il nuovo metodo di fitness veloce e intenso funziona davvero ed è efficace nel perdere peso? Ed è alla portata di tutti?

«È proprio questo il punto chiave. Il lavoro pubblicato sul Journal of Clinical Psychology sembra dire che funziona davvero, ma non è alla portata di tutti. Le precisazioni sono d’obbligo. La prima è che non si tratta di una nuova linea guida relativamente alla quantità di esercizio fisico consigliata. È uno studio sicuramente interessante, ma è un lavoro sperimentale ancora preliminare, servono conferme ulteriori. è, però, degno di nota perché rimarca un punto fondamentale, cioè che lo sprint, l’esercizio intenso, può far bene e consente di dimagrire. Fino a qualche anno fa, infatti, si riteneva che per ottenere benefici dall’esercizio fisico (cioè riduzione del rischio cardio-metabolico, riduzione della mortalità e miglioramento della qualità di vita) servivano 30 minuti di esercizio aerobico vigoroso per 3 volte alla settimana. Ma non tutti potevano permetterselo per mancanza di tempo o per rischi associati. Fortunatamente, grazie a evidenze scientifiche che nel frattempo si sono create, le nuove linee guida danno più importanza al concetto di “dose di attività fisica”, cioè non conta solo la fatica, ma anche la frequenza e la durata. Ecco, allora, che si è passati ad almeno 30 minuti al giorno di attività aerobica moderata tutti i giorni della settimana oppure, per chi non ha tempo e se lo può permettere, 20 minuti di attività aerobica a intensità elevata per 3 volte a settimana. L’ideale è alternare le due combinazioni. Ora questo studio evidenzia nuovamente che lo sport “estremo” funziona anche per poco tempo, se l’obiettivo è solo quello di perdere peso».

Ma lo sport “estremo”, intenso e veloce, può essere svolto da tutti, a qualsiasi età?

«No, perché può essere un’arma a doppio taglio. Il vantaggio è che, secondo lo schema proposto, richiede poco tempo al giorno per ottenere risultati. Lo svantaggio è che si raggiungono intensità elevatissime che possono essere pericolose sia a livello cardiovascolare, sia dal punto di vista ortopedico-muscolare. Lo sport è come un farmaco: va bene se usato correttamente, altrimenti può diventare rischioso».

Per chi può essere indicato, dunque, questo metodo?

«Per lo più per persone giovani e sane. Non che “pensano” di essere sane, ma ritenute tali obiettivamente, in seguito a una valutazione clinica. Il mio consiglio è di eseguire almeno un elettrocardiogramma sotto sforzo. Se tutto è a posto, ben venga anche l’utilizzo di questo metodo per muoversi. Ovviamente studi ulteriori sono necessari per confermare i dati, soprattutto quando l’obiettivo non è solo perdere velocemente qualche chilo, ma anche ridurre il rischio di malattia, mortalità e migliorare la qualità di vita».

Un consiglio valido per tutti, per restare in forma e perdere i chili di troppo post-stravizi?

«Gli schemi consigliati dalle linee guida ed elencati sopra hanno diversi benefici per l’organismo, ma non fanno perdere peso in modo massivo perché aiutano giusto a bruciare circa 1000 kcalorie a settimana. Se non associati a un aumento di introito calorico, quindi, probabilmente riescono a tenerlo sotto controllo. Se, invece, si vuole dimagrire senza modificare l’introito calorico (perché spesso si fa esercizio e si è portati a mangiare di più), allora è necessario arrivare a un’ora di sport tutti i giorni, aumentando l’intensità. L’importante è iniziare stabilendo un obiettivo realistico, che verrà aumentato di volta in volta. Vanno bene anche i 30 secondi consigliati dallo studio, se si riescono e possono eseguire. È bene, poi, eliminare la sedentarietà in generale, cioè cercare anche altre occasioni per muoversi come fare le scale, camminare, eccetera, e lavorare sull’aspetto alimentare tornando, dopo gli eccessi delle feste, all’alimentazione originale di base, quella pre-cenoni. Se questa era già equilibrata, i chili di troppo si buttano giù in fretta. Se, invece, era già più ricca del dovuto, dovrà essere modificata riducendo gli alcolici (che rappresentano tante calorie vuote), introducendo frutta e verdura a volontà (a meno di non avere patologie quali, per esempio, diabete o problemi intestinali), riducendo le quantità di carboidrati come pane e pasta per consumarli nella prima parte della giornata invece che di sera (quando si brucia meno). La sera si può optare per un bel minestrone e un secondo di proteine magre (come carne bianca o pesce). Ed eliminare i condimenti mantenendo solo olio extravergine di oliva crudo».

A cura di Lucrezia Zaccaria

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita