Stai leggendo Terme, come scegliere quelle più adatte alla nostra salute?

Benessere

Terme, come scegliere quelle più adatte alla nostra salute?

07/10/2015

Le terme sono l’ideale per chi al relax vuole unire benessere e cura della salute. Ma non tutte le terme sono uguali: bisogna tener conto del luogo, del clima e anche del tipo di acqua per il miglior trattamento possibile di numerose malattie.

L’Italia offre diversi tipi di clima tra le 160 zone termali presenti su tutto il territorio per il benessere di tutti. Il clima di montagna è indicato per chi soffre di bronchite cronica, ma non per chi è iperteso. Molti centri termali offrono trattamenti mirati oltre che per le malattie delle vie respiratorie, anche per i disturbi osteoarticolari, le ricadute di stress e ansia e le problematiche artroreumatiche. Per il clima collinare si hanno indicazioni più generiche, mentre quello marino fa bene a chi convive con allergie stagionali o con malattie ginecologiche.

La talassoterapia, che sfrutta i benefici dell’acqua marina e quindi delle sostanze disciolte in essa, è uno dei tanti trattamenti a cui si può ricorrere nelle terme marine in ambito clinico. Si può ricorrere alla talassoterapia, ad esempio, per le malattie della pelle e dell’apparato respiratorio come asma e sinusiti. Questo tipo di terapia è ancora più efficace insieme ad altre terapie come l’elioterapia per il trattamento di artrosi, rachitismo, dolori articolari e per un veloce recupero post-traumatico.

 

Terme marine per chi è affetto da psoriasi e dermatiti atopiche

Le cure termali sono un toccasana per il benessere di chi è affetto da alcune malattie dermatologiche: «Le cure termali sono ampiamente consigliate per le malattie infiammatorie croniche, ovvero la psoriasi e le dermatiti atopiche. In entrambi i casi le terme migliori sono quelle al mare perché, oltre al clima marino, c’è anche il sole. Sono terme situate in ambienti asciutti e ventosi, meno umidi rispetto a quelle che si trovano in collina. Per la psoriasi l’acqua migliore è quella sulfurea. Purtroppo in Italia ci sono limitazioni di luoghi e di acque per chi presenta questi disturbi, dal momento che la maggioranza delle acque sono salsobromoiodiche, e quindi irritanti per la pelle», spiega il professor Marcello Monti, responsabile di Dermatologia dell’Ospedale Humanitas.

Nelle terme scorrono diversi tipi di acqua. Le acque sulfuree, oltre a psoriasi e dermatiti per le loro qualità antiinfiammatorie e antiseborroiche, sono indicate per le malattie croniche di orecchio, naso, faringe e laringe, ma anche per il trattamento delle nelle malattie osteoarticolari e ginecologiche. Le acque salsobromoiodiche, invece, potenziano le difese immunitarie, sono un buon rimedio, tra l’altro, per le patologie del sistema locomotore come i postumi traumatici e le artropatie croniche. I problemi all’apparato digerente invece, come gastriti e acidità per esempio, vengono meglio affrontati con le acque salse, bicarbonate, solfate e acidule.

 

Pelle e salute, articoli correlati:

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita