Stai leggendo Se sudare è patologico

Benessere

Se sudare è patologico

29/05/2007

Sudare di solito significa caldo, attività sportiva, ambienti chiusi. E il disagio che la sudorazione abbondante provoca, come aloni delle camicie, mani da nascondere, piedi bagnati. La sudorazione è un evento fisiologico abbastanza complesso, ma esiste anche una sudorazione patologica. Come spiega il prof. Marcello Monti, responsabile di Dermatologia all’Istituto Clinico Humanitas e docente di Dermatologia all’Università di Milano.

La sudorazione, spiega il prof. Monti, è uno dei momenti più importanti per la regolazione della temperatura del corpo. Infatti quando siamo in ambiente caldi abbiamo la necessità di disperdere il calore altrimenti si riscalderebbe il sangue e con esso andrebbero in crisi tutti i sistemi metabolici fino ad arrivare al “colpo di calore” o al coma.
Per disperdere il calore la nostra pelle è dotata di milioni di “tubicini”, chiamati ghiandole sudoripare, in grado di portare l’acqua dall’interno all’esterno in forma di gocce di sudore. Il sudore si spande sulla superficie della pelle e poi evapora raffreddandola. È un sistema semplice ma molto efficace almeno finché l’umidità ambientale è bassa e gli indumenti in fibra naturale permettono l’evaporazione dell’acqua.

La sudorazione eccessiva o iperidrosi, tipica di alcuni individui, provoca tuttavia alcuni disturbi. Ad esempio la crescita di batteri nei cavi ascellari e la conseguente comparsa di cattivo odore, la macerazione della pelle dei piedi e lo sviluppo di funghi tra le dita (piede d’atleta). La sudorazione eccessiva si combatte utilizzando il cloruro d’alluminio in forma di gel (gel astringente, si trova in farmacia). Questo composto ha la proprietà di diminuire la sudorazione e nel contempo di inibire la crescita dei microrganismi che causano il cattivo odore. Vi sono poi sudorazioni patologiche, in cui la temperatura o la dispersione del calore non sono in causa. Si tratta di un vero e proprio errore di quella parte del sistema nervoso autonomo che controlla le ghiandole sudoripare: l’eccessivo stimolo nervoso provoca una sudorazione abbondante di una o più parti del corpo anche se non fa caldo o non si sta facendo attività fisica.

Si tratta quindi di sudorazioni “paradosse” che coinvolgono soprattutto le ascelle, le mani e i piedi, spesso d’intensità tale da compromettere gravemente la vita sociale. L’iperidrosi patologica non risponde ai comuni antisudorali, agli psicofarmaci, alla psicoterapia tanto che di recente si è ricorsi al blocco delle ghiandole sudoripare con la tossina botulinica. Ma questo rimedio è solo temporaneo e molto doloroso. Si è pensato pertanto di agire direttamente sui nervi che trasmettono lo stimolo della sudorazione paradossa, con un metodo chirurgico efficace e relativamente semplice, praticato ormai da anni dall’Unità Operativa di Chirurgia Toracica diretta dal dott. Marco Alloisio.

A cura della Redazione

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita