Stai leggendo Erba cipollina

Alimenti

Erba cipollina

01/01/2018

Che cos’è l’erba cipollina?

Contraddistinta dal termine scientifico Allium schoenoprasum, è una pianta aromatica che appartiene alla famiglia delle Liliaceae, al genere Allium e alla classe Lioliopsida. È diffusa in principal modo in Europa e nel Nord America, mentre in Italia si trova soprattutto nelle Alpi e negli Appennini settentrionali.

 

Quali sono le proprietà nutrizionali dell’erba cipollina?

100 g di erba cipollina apportano 30 calorie, di cui:

90,65 g di acqua

14,31 g di proteine

4,35 g di carboidrati

2,5 g di fibre

0,73 g di lipidi

 

Fra le vitamine e i minerali, 100 g di erba cipollina apportano:

105 µg di folati

218 µg di vitamina A (retinolo equivalente)

3,86 mg di vitamina B1

0,37 mg di vitamina B2

0,13 mg di vitamina B6

0,07 mg di tiamina

0,11 mg di riboflavina

0,64 mg di niacina

58,1 mg di vitamina C

0,21 mg di vitamina E

212,7 µg di vitamina K

296 mg di potassio

92 mg di calcio

58 mg di fosforo

42 mg di magnesio

3 mg di sodio

1,60 mg di ferro

0,56 mg di zinco.

 

Quando non mangiare l’erba cipollina?

Non risultano esservi interazioni tra il suo consumo e l’assunzione di medicinali o di altre sostanze. Nel dubbio, si consiglia di chiedere informazioni al proprio medico.

 

Stagionalità dell’erba cipollina

Giunge a maturazione nei mesi di aprile e maggio.

 

Possibili benefici e controindicazioni dell’erba cipollina

E’ un alimento ipocalorico, povero di grassi ma ricco di minerali e vitamine. Nello specifico, ha un elevato contenuto di vitamina C, che – grazie alle sue proprietà antiossidanti – rafforza le difese immunitarie dell’organismo. Contiene, inoltre, un’alta quantità di potassio che contribuisce a mantenere sotto controllo la pressione sanguigna. La pianta è anche ricca di fibre che contrastano la stitichezza, agevolano il funzionamento dell’intestino e favoriscono il regolare assorbimento di colesterolo e zuccheri, aiutando a combattere sia l’ipercolesterolemia che l’ipoglicemia. Presenta al suo interno anche folati, che promuovono il corretto sviluppo del sistema nervoso durante la fase di gravidanza. Infine, contiene la vitamina K che favorisce una buona coagulazione del sangue.

Il suo consumo non determina in genere degli effetti collaterali. Tuttavia, se consumata in quantità eccessive, potrebbe provocare irritazione dello stomaco.

 

Disclaimer

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.

Articoli che potrebbero interessarti

Non perderti i nostri consigli sulla tua salute

Registrati per la newsletter settimanale di Humanitas Salute e ricevi aggiornamenti su prevenzione, nutrizione, lifestyle e consigli per migliorare il tuo stile di vita