Stop all’intestino infiammato

infiammazione cronica intestino

 

Si può bloccare l’infiammazione cronica dell’intestino fermando i globuli bianchi diretti in quest’organo. La ricerca che ha raggiunto questo risultato e a cui ha contribuito il professor Silvio Danese, medico-ricercatore responsabile del Centro di ricerca per le Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali di Humanitas, è stata pubblicata sul New England Journal of Medicine, la più importante rivista di medicina del mondo.

 

«Nei pazienti con malattie infiammatorie croniche dell’intestino (cioè morbo di Crohn e rettocolite ulcerosa) – spiega il professor Danese – i globuli bianchi entrano in modo disordinato nella parete intestinale, scatenando un’infiammazione fuori controllo e causando un danno. Per bloccarli abbiamo utilizzato un anticorpo monoclonale diretto contro le molecole che guidano in modo specifico i globuli bianchi all’intestino e non in altri punti dell’organismo».

 

Lo studio ha dimostrato che questo anticorpo, chiamato anti-alfa4 beta7, che agisce sulle molecole adesive che guidano in modo specifico i globuli bianchi all’intestino e non in altri punti dell’organismo, è attivo ed efficace nelle malattie infiammatorie dell’intestino. È questa, dunque, un’ulteriore dimostrazione di come la comprensione delle modalità e dei meccanismi di funzionamento del sistema immunitario si possa tradurre in un beneficio clinico importante per i pazienti, in questo caso con malattia infiammatoria intestinale.

 

A cura di Simona Camarda