Naso e gola, dieta e mali di stagione. La diretta FB con il dott. Malvezzi e Marco Bianchi

istock-621259058

Il nostro naso e la nostra gola sono spesso le prime vittime del cambio di stagione. Le temperature più basse e il freddo sono infatti l’ambiente ideale per l’azione dei virus ed ecco che i malanni tipici di questo periodo ci mettono ko. Un aiuto contro i sintomi del raffreddore arriva anche dai rimedi naturali come eucalipto, miele, zenzero e limone: «I rimedi naturali sono utili – dice il dottor Luca Malvezzi, otorinolaringoiatra e specialista in chirurgia cervico facciale dell’ospedale Humanitas; l’importante è usare il buon senso, non trascendendo in cure di questo tipo e rivolgendosi a uno specialista quando non si riesce a dominare i sintomi».

(Per approfondire leggi qui: Naso chiuso, raffreddore o sinusite?)

L’esperto ha partecipato al secondo appuntamento in diretta Facebook di “Uno spuntino con…” insieme a Marco Bianchi, chef e divulgatore scientifico di Fondazione Umberto Veronesi, che ha ospitato il medico sul suo seguitissimo profilo social. I due esperti hanno parlato proprio di cibo, naso, orecchie, gola e mali di stagione.

Il primo rimedio naturale utile in caso di raffreddamento è il lavaggio nasale

«Consiglio sempre di lavarsi il naso con soluzione fisiologica, ovvero acqua e sale. Un gesto che dovrebbe diventare un’abitudine quotidiana, da associare all’igiene orale mattina e sera, indipendentemente dai raffreddori, soprattutto se viviamo in città inquinate. Il pulviscolo che respiriamo si deposita a livello nasale e può innescare una reazione infiammatoria danneggiando le mucose nasali. Il lavaggio deterge il naso rimuove il pulviscolo e può essere utile per chi va in piscina. Il cloro, se raffreddati, innesta infatti un’azione irritativa sul naso ma può essere rimosso con il lavaggio», suggerisce il dottor Malvezzi. «Anche l’aerosol con soluzione fisiologica nebulizzata nel naso è utile per decongestionare».

(Per approfondire leggi qui: Tosse, per i bambini un cucchiaio di miele prima di dormire?)

Marco Bianchi ha fatto ricorso al lavaggio nasale per la sua bimba di poco più di un anno colpita da un raffreddore utilizzando un nebulizzatore con “acqua di mare”: «Si può utilizzare un nebulizzatore ma anche una semplice siringa naturalmente senza ago con soluzione. Il lavaggio nasale può essere sostituito da creme emollienti se il bambino è soggetto a sanguinamenti dal naso. Le creme rendono la mucosa più lubrificata e prevengono il sanguinamento»

Quali sono gli altri rimedi naturali cui fare affidamento?

«L’eucalipto e lo zenzero sono utili decongestionanti, hanno un effetto balsamico, stimolano la mucosa a produrre muco di cui ci liberiamo», risponde ancora il dottor Malvezzi.

Senza dimenticare il ruolo della vitamina C, come ricorda Marco Bianchi: «In caso di raffreddore consiglio di bere ogni giorno tre spremute con zenzero frullato o spremuto per rafforzare il sistema immunitario: la vitamina C velocizza la guarigione e lo zenzero ne implementa gli effetti».

E a questi aggiungiamo il miele, uno degli ingredienti della ricetta di Marco Bianchi con cui coccolarci nelle giornate più fredde tra colpi di tosse e mal di gola: i pancake con miele e banane. «Le banane – spiega – sono un ottimo insieme bilanciato di sali minerali e vitamine che rappresentano un salutare mix contro i raffreddamenti stagionali. Contengono inoltre beta-carotene, un carotenoide amico delle mucose del sistema respiratorio».

Guarda il video della diretta Facebook:

Scopri come preparare i pancake cliccando qui