I cibi che facilitano l’abbronzatura

Prendere il sole e assicurarsi un’abbronzatura perfetta è uno dei classici desideri estivi. La dottoressa Manuela Pastore, dietista di Humanitas Milano, ci spiega come l’alimentazione possa contribuire ad abbronzare la pelle.

Vitamina A e carotenoidi sono da sempre considerati intensificatori dell’abbronzatura. In realtà il colore della pelle e di conseguenza il grado di abbronzatura dipende dalla concentrazione di melanina, il pigmento che conferisce il colore scuro. I carotenoidi, se assunti in grandi quantità, possono contribuire a depositare a livello della cute alcuni pigmenti colorati che, sovrapponendosi alla melanina, intensificano il colore dell’abbronzatura.

Al sole la pelle si scurisce ma rischia maggiormente di invecchiare e disidratarsi e una corretta alimentazione gioca un importante ruolo protettivo.

Dal punto di vista nutrizionale una sana abbronzatura è favorita da micronutrienti, fra cui particolarmente efficaci sono gli antiossidanti, e soprattutto da una buona idratazione.

 

Vitamina A

La vitamina A è contenuta negli alimenti di origine animale (latte, formaggi), protegge pelle e mucose dall’invecchiamento.

 

Carotenoidi

I carotenoidi sono antiossidanti che si trovano in albicocche, anguria, asparagi, broccoli, carote, cachi, cavolo, indivia, lattuga, melone, peperoni rossi, pomodori, spinaci, zucca.

 

Vitamina C

La vitamina C partecipa alla formazione del collagene, il tessuto di sostegno dell’epidermide, alla quale garantisce l’elasticità. Ha un ruolo antiossidante combattendo la formazione di svariati tipi di radicali. Si trova in agrumi, broccoli, cavoli, fragole, kiwi, lamponi, mango, papaia, peperoni, pomodori, ribes nero, spinaci.

 

Vitamina E

La vitamina E è un antiossidante che si trova negli oli vegetali (girasole, mais, oliva) ma anche in avocado, mandorle, noci, nocciole, pistacchi.

 

Selenio

Il Selenio è un oligoelemento indispensabile per la formazione di un enzima (glutatione-perossidasi) che ha un’azione antiossidante generale. Il selenio agisce in sinergia con la vitamina E. Si trova in aglio, broccoli, cavolo, cetrioli, cereali (specie se integrali), cipolle, funghi, sedano. Le fonti di origine animale sono carne (agnello, anatra, maiale, pollo), formaggi stagionati, pesce (crostacei, frutti di mare, sardine, tonno), tuorlo d’uovo.

 

Zinco

Lo zinco svolge una funzione benefica nei confronti dell’integrità della cute proteggendola dai radicali liberi e partecipa alla costituzione del collagene. Si trova in tutti i cereali e i legumi, frutta oleosa, carote, cavolo verde, sedano, spinaci. Le fonti animali più ricche sono carne e pesce in generale (acciughe, polipo, seppie, ostriche).

Una dieta che includa cinque porzioni di frutta e verdura al giorno anche sotto forma di centrifugati e frullati, almeno un litro e mezzo di liquidi, secondi piatti variati nella settimana e cereali assicura una buona protezione per un’abbronzatura perfetta.